Ai serpenti piace essere animali domestici?

0
1576
do snakes like being pets
do snakes like being pets

Una delle cose che molte persone trovano spaventose riguardo ai serpenti è che sembrano mostrare pochissime emozioni.

Si chiedono come si può dire se un serpente domestico è felice o depresso, amichevole o aggressivo.

Una domanda comune è quindi: “ai serpenti piace essere animali domestici?”

La risposta breve è “no” – ai serpenti non piace essere animali domestici.

Impareranno comunque a tollerarlo. E se curati adeguatamente, molte specie prospereranno anche in cattività.

In questo articolo approfondiremo la risposta e vedremo come lo stile di vita naturale di un serpente influisce sulla loro cura di animali domestici …

Serpenti allo stato brado

Ai serpenti piace essere animali domestici?

Anche se vivi in ​​una zona con molti serpenti, è abbastanza improbabile vederne molti. I serpenti, per definizione, in genere trascorrono le loro giornate nascondendosi nella natura.

Questo ha due vantaggi distinti. Innanzitutto evita che diventino la cena per un animale più grande. Inoltre, è facile prendere di sorpresa gli oggetti da preda.

Quando i serpenti sono disturbati, ad esempio dai tuoi passi pesanti in lontananza o da un cane eccitabile mentre passeggia, in genere scelgono di sgattaiolare via nel sottobosco o sotto una roccia.

Solo quando è messo alle strette un serpente in genere mostra segni di aggressività, e questo è perché vogliono uscire dalla situazione adesso.

I serpenti in senso lato evitano il contatto con gli umani a tutti i costi, supponendo che queste bestie pesanti e pesanti rappresentino una potenziale fonte di pericolo per loro.

Ciò può creare problemi ai detentori di serpenti, in quanto esiste il rischio che i serpenti da compagnia possano essere stressati se alloggiati nelle immediate vicinanze di noi.


La tolleranza non l’attrazione

Naturalmente, i serpenti evitano il contatto umano. All’interno dei confini della tua casa, ovviamente, questo semplicemente non è possibile.

Nel tempo, tuttavia, e con sufficiente pazienza, il tuo serpente domestico dovrebbe iniziare a calmarsi.

Dovrebbero avere meno probabilità di imbattersi nella loro gabbia lontano da te. Si dimenano meno quando vengono raccolti. Spero che perderanno quella volontà di mordere – se ce l’hanno affatto.

È importante, tuttavia, affermare che questa è più “tolleranza” che “attrazione”. Con un’esposizione sufficiente a te, il tuo serpente può imparare che non sei davvero una minaccia. Possono agire più normalmente intorno a te.

In sintesi, i serpenti in genere non cercano l’attenzione del loro proprietario e preferirebbero di gran lunga essere lasciati ai propri dispositivi. Quindi, mentre molti serpenti domestici possono essere tenuti per brevi periodi di tempo, i serpenti sono generalmente pensati come animali da ammirare da lontano.


I serpenti domestici mostrano affetto?

I serpenti non mostrano affetto nei confronti dei proprietari. Al tuo serpente non potrebbe importare di meno se ti vedono da un giorno all’altro, supponendo che i loro bisogni siano soddisfatti. Piuttosto il contrario; probabilmente preferirebbero non avere mai più avuto a che fare con te.

Ora ci sono casi in cui un serpente può “apparire” per mostrare affetto. Ad esempio, un serpente che si abitua ad essere nutrito quando il suo vivaio si apre potrebbe venire da te quando hanno fame.

Tuttavia è importante sottolineare che questo non è affetto; sono appena stati condizionati ad aspettarsi il cibo quando vai nella gabbia. Hanno acquisito abbastanza fiducia per venire verso di te nella speranza che tu abbia un succoso roditore pronto per loro.

Per inciso, questa è una situazione che richiede cautela da parte tua; questo è quando i morsi possono essere più probabili quando il serpente identifica erroneamente la tua mano per un roditore. Quando sei stato sul punto di ricevere un tale morso non avrai alcuna comprensione sbagliata che il tuo serpente fosse “affettuoso”!


I serpenti domestici riconoscono i loro proprietari?

Questa è la mia opinione personale dopo 25 anni di allevamento e allevamento di serpenti, ma non credo che i serpenti imparino a riconoscere i loro proprietari.

Un serpente che è addomesticato ed è abituato ad essere gestito può generalmente essere gestito da chiunque, che sia o meno il proprietario.

Un serpente che è abituato alle persone in generale avrà maggiori probabilità di mangiare di fronte alle persone, ma il loro comportamento in genere non cambierà molto se quella persona sei tu o il tuo amico.

O un serpente impara a tollerare le persone o no. E se sembra comportarsi diversamente con persone diverse, è probabile che si stiano comportando diversamente. Ad esempio, un serpente può rimanere calmo nelle mani di un guardiano di rettili esperto, ma sferzarsi se tenuto da un bambino troppo eccitato e rumoroso.

Questo non è il serpente che “riconosce” il suo proprietario – sta davvero solo rispondendo ai segnali comportamentali che sta alimentando nel momento.


Come domare il tuo serpente

Domare un serpente richiede molto tempo e fatica. Tuttavia, questo investimento può essere utile perché può ridurre lo stress che il serpente sente intorno alle persone e può rendere più facile la pulizia e la manutenzione del serpente per entrambe le parti.

Ci sono quattro regole d’oro per domare il tuo serpente domestico:

Dintorni tranquilli

I serpenti amano la pace e la tranquillità. Gli ambienti rumorosi e affollati non sono davvero fantastici per i serpenti. Se vuoi che il tuo animale domestico si calmi e ti accetti come proprietario, il primo passo è davvero creare l’ambiente giusto.

Ti suggerisco di posizionare il tuo vivaio di serpenti in una stanza tranquilla della casa, lontano da fonti di rumore. Ciò significa che non ci sono TV o sistemi musicali nelle vicinanze. Nessun bambino urla o corre. Nessun cane abbaia o gatti che cercano di entrare nel serbatoio. In sostanza il tuo serpente dovrebbe essere in grado di trascorrere indisturbati i suoi giorni.

Inizialmente alcuni serpenti domestici appariranno iper-attivi. Esploreranno la loro gabbia alla ricerca di una via d’uscita. Potrebbero rifiutarsi di mangiare. Possono mostrare aggressività nei confronti del loro proprietario. Col tempo, tuttavia, la maggior parte si calmerà.

Quindi dai al tuo serpente l’ambiente giusto dove può imparare a sentirsi rilassato. Questo può richiedere alcune settimane per un nuovo animale domestico.

Movimenti delicati

Una volta che il serpente si è sistemato e si nutre regolarmente, puoi iniziare il processo di addomesticamento. Questo inizia davvero semplicemente abituando il tuo serpente alla tua presenza. Usa movimenti lenti e delicati perché qualcosa di troppo veloce può spaventare il tuo serpente, facendolo precipitare o provare a mordere.

Forse passi un po ‘di tempo a guardarli la sera. Forse apri delicatamente la gabbia e prova a toccare il serpente. In tutto questo cerca di mantenere un’aria di calma.

Con il tempo e con sufficiente pazienza, il tuo serpente imparerà che probabilmente non sei una minaccia. Può anche accettare di essere raccolto, anche se questo può variare a seconda della specie e dell’individuo.

Brevi sessioni

Incontrarsi con un essere umano è una situazione aliena e spiacevole per la maggior parte dei serpenti, a meno che non siano un esemplare allevato in cattività che è stato maneggiato sin dalla nascita. Pertanto, è necessario “facilitare” l’addomesticamento, facendo un passo alla volta.

Inizia con dosi molto brevi. Pochi minuti qua e là. E lentamente costruisci sessioni più lunghe.

Pazienza

Infine, ricorda che questo è un processo che non puoi fare in fretta. Aspettatevi che ci vorranno settimane o addirittura mesi. Nel corso del tempo instaurerai questa fiducia reciproca, ma è improbabile che accada rapidamente come desideri. Quindi – pazienza, cavalletta!


Avviso spoiler!

È importante ricordare che i serpenti possono variare in modo significativo nel modo in cui gestiscono la cattività.

Alcune specie come i pitoni a palla si calmano quasi immediatamente.

Altri fanno fatica a sistemarsi come animali domestici.

Quindi ci possono anche essere differenze tra i membri della stessa specie. Ho avuto serpenti di mais che erano quasi addomesticati, e uno in particolare che non avrebbe accettato di essere gestito, non importa quanto ci provassi.

Il messaggio qui è che tutto ciò che ti sto dando qui è un consiglio “generale”. Poiché ogni serpente è diverso, anche le tue esperienze possono differire.


Qual è il vantaggio per un serpente di essere un animale domestico?

Finora abbiamo discusso del fatto che i serpenti non amano essere animali domestici, che non creano un legame con il loro proprietario e che possono essere difficili da domare. Quindi la domanda ovvia è quali sono davvero i vantaggi per un serpente di passare attraverso questo processo?

Controlli sanitari

Un serpente addomesticato che può essere facilmente maneggiato è perfettamente posizionato per regolari controlli sanitari. Con un po ‘di conoscenza ogni proprietario di un serpente può dare al proprio animale domestico un controllo di routine, alla ricerca di evidenti segni di malattia. Per un serpente selvaggio, questi problemi di salute non vengono trattati. Per un serpente domestico, tuttavia, ci sono veterinari specializzati in rettili, e quindi il trattamento può essere fornito.

Cibo normale

Siamo onesti: i serpenti hanno abbastanza successo nel catturare prede in natura. Tuttavia, molti tentativi di catturare la preda finiscono in un fallimento e un serpente può passare per lunghi periodi di tempo tra l’alimentazione. In cattività possiamo fornire un’alimentazione più regolare, quindi il tuo serpente non ha fame né ingrassa.

Ambiente prevedibile

Il vivarium del tuo serpente offre un ambiente sicuro e prevedibile con luoghi dove nascondersi, correggere l’illuminazione, un approvvigionamento idrico costante e la temperatura ottimale.

Mancanza di predazione

Forse il più grande vantaggio per i serpenti da compagnia è che non c’è rischio che vengano mangiati dai predatori. Questo, combinato con una dieta e un’assistenza sanitaria adeguate, significa che i serpenti domestici possono vivere molto più a lungo rispetto ai loro omologhi selvatici.

Niente competizione

La competizione per i compagni e per il cibo è una sfida che la maggior parte degli animali selvatici deve affrontare. In cattività, ovviamente, nulla di tutto ciò conta.


Conclusione

Quindi – ai serpenti piace essere animali domestici? No, ma possono imparare a tollerarlo in tempo. Questo è probabilmente il meglio che possiamo sperare, e anche quel processo può richiedere tempo e fatica per insegnare delicatamente al tuo serpente che non rappresenti una minaccia.

I serpenti sono meglio pensati come pesci. Sono belli e affascinanti. Ma idealmente dovresti cercare di dare loro l’ambiente perfetto per mantenerli in salute, quindi generalmente lasciandoli vivere la loro vita con il minor numero di interferenze possibili da parte tua.

Il risultato finale è un serpente sano e felice che vive una vita lunga e fruttuosa.