Alla ricerca dei cani smarriti dopo l'esplosione di Beirut

0
222
Alla ricerca dei cani smarriti dopo lesplosione di Beirut
Alla ricerca dei cani smarriti dopo lesplosione di Beirut

Le devastanti esplosioni consecutive a Beirut all'inizio di agosto hanno lasciato circa 300.000 persone senza casa in un batter d'occhio. Molte famiglie hanno perso i loro cari, tuttavia questa catastrofe ha colpito non solo le persone, ma anche i loro animali domestici. Oggi scopriremo l'incredibile storia di Leia e dei suoi cani persi nell'esplosione di Beirut.

Dopo il disastro e i primi minuti di confusione, tutti i vicini hanno cercato di aiutarsi a vicenda. In mezzo al caos di vetri rotti, sangue, fumo e disperazione, la comunità si è riunita per rifugiarsi da quella che inizialmente pensavano fosse un'altra guerra come quella del 2006.

Nessuno ha mai pensato di abbandonare i propri animali domestici, ma erano spaventati e disorientati proprio come gli umani. Scopri con noi questa storia di fatica e di superamento, che dimostra che l'amore di un proprietario per il suo cane non conosce limiti.

Nessuno avrebbe immaginato cosa fosse immagazzinato nel porto di Beirut. Secondo il governo libanese, la causa delle esplosioni sono state 2.750 tonnellate di nitrito di ammonio. Questo composto viene spesso utilizzato come fertilizzante, ma anche per creare bombe.

Il carico è stato confiscato a una nave russa nel 2014 e immagazzinato nel porto di Beirut. Anche se alti funzionari doganali hanno cercato di estrarre il nitrato da lì e donarlo all'esercito libanese, non hanno mai avuto i permessi. Purtroppo alcuni lavori di saldatura nel magazzino adiacente hanno provocato un incendio che si è concluso con la terribile esplosione.

Ciò ha provocato 135 vittime uccise sul posto, 5.000 dispersi e 300.000 sfollati. Quest'ultimo gruppo include la storia di Leia e dei suoi cani persi nell'esplosione di Beirut.

Secondo Leia, una luce bianca l'ha proiettata in un angolo della stanza e tutto quello che poteva vedere erano vetri rotti e legno scheggiato. Quando tornò in sé, nonostante il ronzio nelle orecchie, il suo primo pensiero fu la sua famiglia.

Non la sua famiglia biologica che era al sicuro lontano da Beirut, ma la sua famiglia adottiva. La prima cosa a cui Leia pensò furono i suoi piccoli pelosi che aveva adottato negli ultimi anni.

Qualcuno è venuto a quella che era la sua porta e le ha detto che i suoi cani stavano bene. Quindi, ha preso la sua coinquilina, Lizzie, e si è diretta verso l'uscita in mezzo a un mare di detriti pericolosamente taglienti.

Temendo la possibilità di un'altra esplosione e con il vivido ricordo della guerra in Libano del 2006, Leia ei suoi vicini si rifugiarono sotto una scala. Con loro grande sorpresa, c'era Fred, il più vecchio dei cani. Ma il cucciolo Bunduq, che era venuto a Leia quando la sua famiglia lo aveva abbandonato per paura del COVID-19, non c'era.

Per i prossimi giorni, Fred rimase con il suo proprietario. Difendeva le rovine di quella che era stata la sua casa mentre aspettavano con speranza che Bunduq trovasse la via di casa.

Per Leia, i suoi cani adottati le danno un senso di stabilità nella sua vita. Fanno parte della sua casa, della sua famiglia prescelta. Come lei dice: "Non ho scelto i miei animali domestici, hanno scelto me."

Un movimento sociale per ritrovare i cani smarriti

Come Fred e Bunduq, molti cani sono stati persi dopo le esplosioni di Beirut. Grazie ad un gruppo Whatsapp entrato a far parte di Leia, chiamato “mamma cane”, e attraverso i social media, tutti i cani sono stati finalmente ritrovati.

Sfortunatamente, Leia non poteva uscire a cercare Bunduq. I suoi piedi sono stati gravemente feriti dall'esplosione e ha dovuto rimanere in ospedale per giorni. Tuttavia, non ha smesso di pubblicare notizie sulla scomparsa del suo cane e ha pregato che trovasse la strada di casa.

Nel frattempo, i suoi amici hanno continuato a camminare per le strade alla ricerca di Bunduq, affiggendo manifesti e chiedendo ai vicini. Inoltre, una fondazione di beneficenza locale che aiuta gli animali senza casa, chiamato per una squadra di ricerca per il cane. Sfortunatamente, non c'era traccia di esso.

I giorni passarono e Leia cominciò a perdere la speranza. Il suo cane smarrito potrebbe essere stato investito da un'auto, o forse ha subito terribili ferite dall'esplosione, che gli hanno impedito di tornare a casa.

Un giorno, mentre Leia scriveva sui blog dei cani da fiuto che cercano persone sotto le macerie, il display del suo cellulare si accese mostrando un messaggio: "Hai perso un cane? Penso di averlo. "

La persona che l'ha contattata aveva trovato Bunduq a Beirut dopo l'esplosione e lo ha portato a Tripoli, a più di 50 chilometri di distanza. Il suo soccorritore ha perso tutto nelle esplosioni e ha dovuto muoversi. Nonostante questo, non avrebbe lasciato abbandonato un povero cucciolo spaventato. Quindi, non ci ha pensato due volte e l'ha messo nella sua macchina.

Leia non aveva una macchina per arrivarci e dovette subire diverse operazioni per curare tutti i tendini tagliati dei suoi piedi. Con sua sorpresa, un'associazione ha chiamato "The Animal Lovers of Lebanon" ha sviluppato un piano per riportare Bunduq. Così, lo stesso giorno, alle due del mattino, il cucciolo era di nuovo tra le braccia di Leia.

Storie come questa, dove una rete di persone lavora insieme per gli altri riportando, tra le braccia della sua famiglia, un essere smarrito e solitario, ridare speranza nella natura umana.

Tuttavia, non possiamo dimenticare che Beirut è ancora distrutta. Molte persone sono state sfollate e trasferite in montagna o in altre città per ricominciare. L'impianto sanitario non funziona ancora al 100% nel dopoguerra, ma, nonostante tutto, gli abitanti continuano ad aiutarsi a vicenda.

Cani da compagnia banditi da Kim Jong Un in Corea del Nord

Sembra che il presidente Kim Jong Un abbia presumibilmente vietato la detenzione di cani da compagnia a Pyongyang. Se vuoi saperne di più, continua a leggere. Leggi di più "