Cani da compagnia banditi da Kim Jong Un in Corea del Nord

0
502
Cani da compagnia banditi da Kim Jong Un in Corea
Cani da compagnia banditi da Kim Jong Un in Corea

Per quanto bizzarro possa sembrare, vari media hanno fatto eco alla seguente notizia: sembra che il presidente nordcoreano Kim Jong Un ha vietato la detenzione di cani da compagnia nella capitale del paese.

Questo evento non è una semplice voce o una storia, come hanno fatto eco nei giorni scorsi prestigiosi organi di stampa come la rivista Forbes Mexico. Tuttavia, sappiamo che le informazioni dalla Repubblica democratica popolare di Corea (RPDC) sono al massimo scarse. I media occidentali non vi hanno accesso a causa di vari meccanismi di censura.

Di conseguenza, distinguere la realtà dalla finzione è molto difficile. Vuoi saperne di più su questo argomento sorprendente? Perché tutti i cani da compagnia di un segmento della popolazione dovrebbero essere confiscati? Se vuoi conoscere la risposta, continua a leggere.

Secondo fonti riservate del quotidiano sudcoreano Chosun Ilbo, il provvedimento è stato imposto lo scorso luglio. Da allora, le autorità di Pyongyang hanno (presumibilmente) confiscato tutti i cani da compagnia nella capitale. L'argomento fornito? Una questione di classi sociali.

Secondo queste fonti anonime, Kim Jong Un considera i cani da compagnia un segno di "declino occidentale". In altre parole, sono un segno di status sociale, che non dovrebbe essere consentito sotto il suo regime.

Questi commentatori anonimi sostengono che le persone degli strati sociali inferiori sono circondate da maiali e polli, mentre i funzionari di alto rango e le persone benestanti hanno cani. Di conseguenza, ciò provoca disagio nei più poveri e sottolinea le differenze economiche tra i segmenti di popolazione nella capitale del paese.

Diversi media sostengono che questa informazione deve essere presa con cautela, poiché il quotidiano Chosun Ilbo è nella lista nera del regime nordcoreano a causa del suo tono critico nei confronti del paese.

Sospetti peggiori

D'altra parte, altri media ipotizza una ragione molto più macabra. Secondo le Nazioni Unite (ONU), il 40% dei nordcoreani ha bisogno di aiuti alimentari perché è al di sotto della soglia di povertà. Questa situazione precaria sarebbe stata notevolmente aggravata dalla pandemia COVID-19.

Pertanto, queste fonti temono che il vero motivo per il sequestro di cani da compagnia è quello di ottenere una fonte di cibo per la popolazione. Per quanto strano possa sembrare a uno straniero, il consumo di carne di cane è relativamente comune in Corea del Nord secondo varie fonti.

Tuttavia, in nessuna circostanza ciò giustificherebbe il sequestro degli animali davanti ai loro proprietari. Purtroppo non possiamo fornire ulteriori informazioni sull'argomento. Come potete vedere, le informazioni che abbiamo si basano su fonti anonime e varie speculazioni.

È essenziale affermare, a questo punto, che le relazioni tra la Corea del Nord e la Corea del Sud sono a dir poco delicate. Tra il 1953, quando è scoppiata la guerra tra le due potenze, e oggi, sono trascorsi sette decenni di instabilità tra i due Paesi. Certamente, le relazioni della Corea del Sud con gli Stati Uniti non hanno contribuito a stabilizzare le cose.

Inoltre, la Corea del Nord detiene da diversi anni le classifiche più basse nel World Press Freedom Index. Come se non bastasse, L'accesso a Internet è limitatoe solo pochi superiori possono accedervi. Di conseguenza, le informazioni su questa regione raggiungono il resto dei paesi in modo sommesso.

Queste valutazioni sono necessarie quando si considera questa notizia. Siamo lontani dal difendere la presunta misura perché viola le libertà individuali degli esseri umani e degli animali allo stesso modo. Tuttavia, è fondamentale prendere questi rapporti con cautela, perché provengono da fonti anonime impossibili da verificare.

Vietare la detenzione di cani da compagnia nella capitale nordcoreana è ancora una questione incerta, che tiene con il fiato sospeso tutti i media globali. Se fosse vero, lo sarebbe una violazione dei diritti degli animali a molti livelli.

Le organizzazioni per i diritti degli animali impediscono il festival cinese della carne di cane

Le battute sulla carne di cane possono sembrarci divertenti fino a quando non conosciamo la cruda realtà e il grado di certezza che questa ha rispetto alla carne di cane. Oggi vi parlerò del festival iniziato in Cina nel 2010 e che gli attivisti stanno cercando di fermare anno dopo anno. Leggi di più "