Colibrì dal becco a spada: svantaggi della specializzazione

0
31
Colibrì dal becco a spada svantaggi della specializzazione
Colibrì dal becco a spada svantaggi della specializzazione

Il colibrì dal becco a spada (Ensifera ensifera) è uno degli esempi più sorprendenti di evoluzione tra un fiore e il suo impollinatore. Negli studi sull'impollinazione, la lunghezza della lingua dell'insetto e il becco dell'uccello impollinatore sono generalmente i tratti più importanti.

È interessante notare che un classico esempio di questa coevoluzione è l'orchidea di Darwin (Angraecum sesquipedale). Nel 1862, Darwin descrisse questo bellissimo fiore in uno dei suoi studi. Il dettaglio più significativo dell'orchidea è il suo lungo sperone, che può essere lungo tra 8 e 13 pollici.

Darwin predisse l'esistenza di una farfalla sfingide con una proboscide che potrebbe rilasciare nettare nella parte inferiore dello sperone. Quarant'anni dopo, la sfinge con la lingua della misura appropriata (Xanthopan morganii praedicta) è stata trovata in Madagascar. In questo articolo, parleremo del caso del colibrì dal becco a spada e del suo fiore.

Che aspetto ha il colibrì dal becco a spada?

Il colibrì dal becco a spada è una delle specie più grandi di colibrì. Una delle sue caratteristiche più notevoli è il suo becco insolitamente lungo, lungo circa 4 pollici. In effetti, è l'unico uccello che ha un becco più lungo del resto del corpo (esclusa la coda). Inoltre, anche la sua lingua è molto lunga.

Il colibrì dal becco a spada (Ensifera ensifera), ha un marcato dimorfismo sessuale. I maschi hanno teste color bronzo, dorso verde bronzo e pance verde brillante. Inoltre, la loro gola è di colore verde nerastro e la coda è di colore verde bronzo.

D'altra parte, sebbene le femmine abbiano una testa e una schiena di colore simile, hanno un ventre bianco screziato di verde. Inoltre, le femmine hanno una gola più olivastra e bordi bianco-grigiastri attorno alla coda.

La distribuzione geografica del colibrì dal becco a spada

Questo uccello esotico abita foreste nuvolose nelle montagne da dal Venezuela occidentale attraverso la Colombia, l'Ecuador, il Perù fino alla Bolivia nord-orientale. Vive anche ad altitudini superiori a 5,500 piedi e fino a 10,800 piedi sopra il livello del mare.

Questo uccello è un residente andino tutto l'anno, senza rotte migratorie conosciute. Inoltre, si ritiene che la specie abbia numeri di popolazione stabili e domini un'ampia area geografica. Tuttavia, è distribuito in modo non uniforme e difficile da trovare, rendendo la specie complessa da indagare.

Dieta e abitudini alimentari

Questo colibrì è una specie altamente specializzata. Ciò significa che si nutre del nettare di fiori molto specifici. A causa del suo becco insolitamente lungo, può nutrirsi di fiori con lunghe corolle, soprattutto nella famiglia Passiflora e Datura.

Dobbiamo notare che la specie mista di Passiflora dipende totalmente dal colibrì dal becco a spada per l'impollinazione. Inoltre, anche piccoli insetti e ragni sono una parte importante della loro dieta. I maschi sorvegliano le aree di alimentazione e sono particolarmente aggressivi nei confronti di altri colibrì o altre specie produttrici di nettare: farfalle, bombi, ecc.

Il colibrì di solito beve il nettare durante il volo. Inoltre visita gli stessi fiori nella stessa sequenza. Di conseguenza, questo comportamento aiuta un'efficace impollinazione dei fiori e l'incrocio delle specie.

Riproduzione

Gli uccelli di questa specie sono poligami, poiché questo comportamento favorisce un maggiore successo riproduttivo. In generale, sappiamo molto poco sul numero di discendenti e sul loro tasso di sopravvivenza. Tuttavia, sappiamo che le femmine generalmente depongono le uova tra febbraio e marzo. Inoltre, solo la femmina rimane per nutrire e proteggere il nido.

L'evoluzione del colibrì dal becco a spada e della pianta della passiflora

Diversi studi hanno stabilito che questo uccello e la pianta mista di Passiflora hanno attraversato uno speciale processo di evoluzione congiunta. Nel caso dell'uccello, hanno sviluppato un becco incredibile. D'altra parte, la pianta ha sviluppato la posizione delle antere e dei sigma più la lunghezza del tubo della corolla, che lo ha reso una fonte di cibo inaccessibile per quasi tutte le specie, tranne questo colibrì.

La relazione simbiotica tra di loro consente alla passiflora di dipendere dall'uccello per l'impollinazione, mentre l'uccello ottiene una fonte di cibo di alta qualità.

Asimmetria in un'alta specializzazione

È interessante sapere che nella maggior parte degli studi riguardanti la specializzazione nell'impollinazione estrema l'interazione tra la pianta e l'impollinatore è asimmetrica. Ciò significa che mentre gli impollinatori interagiscono con diverse piante, la pianta spesso dipende solo da pochi impollinatori. Questo è vantaggioso per entrambi, anche se non sembra.

D'altra parte, nel caso dell'orchidea di Darwin e della sua farfalla impollinatrice, Darwin ha stimato che il rapporto fosse di circa 1: 1. Inoltre, lo scienziato ha predetto che l'estinzione di un partner in questa relazione avrebbe portato all'estinzione dell'altro.

Quindi, qualsiasi effetto dannoso che possa influenzare le interazioni fiore e pianta-impollinatore sarebbe prima visibile in relazioni speciali come questa.

Se i rapporti tra pianta e impollinatore sono asimmetrici, gli impollinatori potrebbero essere più protetti dall'estinzione nutrendosi di vari nettari.

Condizioni attuali e conservazione

Il colibrì dal becco a spada è considerato una specie di "minore preoccupazione" dal Unione internazionale per la conservazione della natura. Non ci sono segni di declino della popolazione o minacce visibili per la specie. Tuttavia, non ci sono ancora numeri della popolazione globale.

Vari fattori, come il cambiamento climatico e la deforestazione, minacciano la popolazione di questo speciale colibrì. Principalmente quei fattori che portano alla perdita dell'habitat e alla diminuzione delle fonti di cibo, soprattutto le piante di Passiflora.

L'affascinante vita di un colibrì

In questo articolo vi parleremo dell'affascinante vita di un colibrì, un uccellino molto carino. Le sue ali si muovono così velocemente che non puoi vederle. Leggi di più "