Esistono vermi mangiatori di plastica? – I miei animali

0
403
Esistono vermi mangiatori di plastica I miei animali
Esistono vermi mangiatori di plastica I miei animali

La scoperta di vermi o larve mangiatori di plastica è avvolta nella speranza e nello scetticismo. Secondo gli esperti, ogni anno nel mondo vengono utilizzate più di 320 milioni di tonnellate di plastica. In effetti, quasi ogni settore della popolazione utilizza questo materiale in un modo o nell'altro.

A questo proposito, tra il 1950 e il 2015, i rifiuti di plastica sono stati una stima di 6,3 miliardi di tonnellate in tutto il mondo. L'uso della plastica ha portato al suo accumulo come uno dei principali inquinanti di terra, fiumi, laghi e oceani.

Con questa prospettiva, la ricerca di animali in grado di ottenere la biodegradazione plastica è stata a lungo attesa. Ecco alcuni dati di speranza sull'argomento.

Dagli anni Cinquanta molti ricercatori hanno studiato la capacità degli insetti di mangiare la plastica e la loro capacità di danneggiare gli imballaggi. I coleotteri e le larve che esibivano questo comportamento sono stati identificati nella famiglia Tenebrionidae, nella famiglia Anobiidae e nella famiglia Dermestidae. Tuttavia, le persone hanno perso interesse per questi studi nel tempo.

Successivamente, all'inizio degli anni '70, molti gruppi di ricerca hanno studiato la biodegradazione del polistirolo (PS) nel suolo, nell'acqua di mare, nei sedimenti delle discariche, nei fanghi attivi e nel compost. Pertanto, gli scienziati lo hanno determinato alcuni insetti mandibolati possono masticare e mangiare imballaggi di plastica, comprese le pellicole da imballaggio in polivinilcloruro (PVC), polietilene (PE) e polipropilene (PP). Tuttavia, fino a poco tempo fa, si sapeva poco sul fatto che la plastica ingerita potesse biodegradarsi nell'intestino dell'insetto.

Quali sono i vermi mangiatori di plastica?

Recentemente, un gruppo di scienziati cinesi ha riferito che i vermi della cera (larve di falena indiana o Plodia Interpunctella) sono in grado di masticare e mangiare film in PE. Hanno anche trovato due ceppi batterici, isolati dal loro intestino, che sono in grado di degradarli.

Lo stesso gruppo ha anche scoperto che i vermi della farina possono mangiare il polistirolo espanso come unica dieta. I vermi della farina sono le larve del coleottero Tenebrio molitor, di dimensioni molto più grandi dei vermi della cera.

Inoltre, un gruppo di ricerca dell'Università della Cantabria ha riportato la biodegradazione del PE da parte delle larve di cera maggiori della falena Galleria mellonella. Infine, questa capacità di mangiare la plastica è presente anche nei cosiddetti superworm, larve di Zophobas morio, anch'esse della famiglia Tenebrionidae.

In generale, questi vermi costituiscono il secondo stadio di un insetto che ha quattro fasi di vita: uovo, larve, pupa e adulto. | Gli esperti li considerano un parassita perché parassitano i favi (i vermi della cera) e i magazzini del grano (i vermi della farina), causando notevoli perdite economiche.

D'altra parte, anche i vermi della farina possono essere una risorsa. Queste larve sono un alimento animale economico disponibile in molti mercati di insetti e negozi di animali. Le larve sono prodotte in serie come cibo per uccelli, rettili, anfibi e pesci. Il cibo principale di queste larve è la crusca, un sottoprodotto agricolo. Generalmente, è facile allevarli in avena fresca, crusca di frumento o cereali con patate, cavoli, carote o mele.

Inoltre, il vermicast generato dai vermi della farina viene venduto come fertilizzante.

Nel 2015, un gruppo di ricercatori cinesi ha dimostrato che un ceppo di vermi della farina di Pechino, in Cina, potrebbe sopravvivere solo con la plastica per un mese.

Quando si trattano i vermi con antibiotici, questa capacità è scomparsa, suggerendo questo l'attività della flora microbica intestinale media la digestione. Questi studi sono stati ampliati utilizzando ceppi di vermi provenienti dagli Stati Uniti.

Pertanto, ora sappiamo che la capacità di degradare la plastica è diffusa tra diversi ceppi di vermi. Vale la pena notare la scoperta che i tassi di degradazione del PS migliorano in modo significativo integrando la dieta dei vermi con una fonte di nutrimento convenzionale.

Inoltre, gli scienziati hanno anche stabilito che i vermi della farina nutriti con questa dieta mista possono riprodursi e dare alla luce una seconda generazione in grado di degradare il PS.

Il microbioma è l'arma segreta della natura

Lo stesso gruppo di ricercatori che svolge questo filone di ricerca, ha eseguito un'analisi del microbioma intestinale del verme della farina Tenebrio molitor. Fino ad ora, gli scienziati sono riusciti a scoprire l'esistenza di due gruppi di batteri (Citrobacter sp. E Kosakonia sp.) Fortemente associati alla biodegradazione di PE e PS.

Inoltre, sono stati in grado di identificare altri gruppi batterici associati in modo univoco alla biodegradazione di ciascuna plastica. Questi risultati suggeriscono il adattabilità del microbioma intestinale del verme che gli consente di degradare plastiche chimicamente distinte.

Lo studio dei vermi mangiatori di plastica conferma che è possibile una rapida biodegradazione del PS nell'intestino larvale. Pertanto, questo indica l'esistenza di un promettente processo di degrado della plastica che può diventare utile per migliorare i livelli di inquinamento ambientale.

Lo straordinario modo in cui funzionano i bachi da seta

Ti sei mai chiesto come viene prodotta la seta? Oggi vi racconteremo come lavorano i bachi da seta per produrre questo prezioso filo. Leggi di più "