Fauna marocchina: incredibile e diversificata

0
516
Fauna marocchina incredibile e diversificata
Fauna marocchina incredibile e diversificata

I cammelli non sono gli unici animali endemici del Maghreb poiché la fauna marocchina è piuttosto vasta. Questo è perché il suo territorio comprende diversi ecosistemi. Vi diciamo di più sulle specie più rappresentative in questo articolo.

Da cosa è composta la fauna marocchina?

Quando pensiamo alla fauna marocchina, viene automaticamente in mente l'immagine di un dromedario in mezzo al deserto. Tuttavia, molte altre specie abitano questo paese nordafricano. Alcuni di loro sono:

1. La volpe fennec

La volpe fennec ⁠ – foto all'inizio di questo articolo⁠ – è un carnivoro che abita sia il Sahara che la penisola del Sinai. Attira l'attenzione grazie alle sue grandi orecchie appuntite. Questi gli permettono di raffreddare il sangue e abbassare la temperatura corporea durante il giorno.

È il canide più piccolo della famiglia: non pesa più di 2 chilogrammi (4 libbre) e misura circa 40 centimetri (16 pollici). La pelliccia è marrone chiaro – come la sabbia – e ha una lunga coda lanosa che la protegge durante le fredde notti del deserto.

Si nutre di insetti, uccelli, roditori, rettili e uova. Inoltre, ha un ottimo senso dell'udito e può saltare distanze di un metro (3 piedi) o più durante la caccia. Il fennec è un animale molto docile, facile da addomesticare. Tuttavia, tenerlo come animale domestico è illegale.

2. La dama gazzella

Abita i deserti e le steppe del Nord Africa ed è, purtroppo, in pericolo di estinzione. La dama gazzella appartiene alla famiglia dei bovini ed è la più conosciuta in Marocco. È anche noto come addra gazelle o mhorr gazelle.

È una delle più grandi gazzelle esistenti e la sua pelliccia è di colore giallo pallido con un ventre bianco e una fronte rossastra. Entrambi i sessi hanno le corna, ma nei maschi sono più grandi: fino a 80 centimetri (31 pollici) di lunghezza.

Si nutre di erba, foglie e rami di arbusti. Quando avverte il pericolo, salta per muoversi più velocemente grazie alle sue gambe lunghe e sottili. È anche un animale diurno.

3. Il dromedario

Ovviamente non poteva mancare nell'elenco uno degli animali più rappresentativi della fauna marocchina. Il dromedario è un artiodattilo e un mammifero ruminante.

Molto alto, con gambe lunghe e sottili che gli permettono di camminare sulla sabbia senza problemi, il dromedario può trascorrere diversi giorni senza bere acqua. Fungono da animali da soma e da equitazione, poiché sono in grado di percorrere più di 150 chilometri (93 miglia) al giorno senza stancarsi.

4. Il leone barbaresco

Anche se questo carnivoro è originario del Marocco, attualmente non ci sono esemplari allo stato selvatico in questo paese. Sfortunatamente, tutti i leoni barbareschi vivono oggi in cattività. Tuttavia, molti di loro non sono "di razza pura", poiché sono stati incrociati con altre specie di Panthera leo.

Il leone di Barberia è grande – tre metri (10 piedi) di lunghezza e 250 chili (551 libbre) di peso – con una coda lunga fino a 70 centimetri (28 pollici). Questo animale solitario ha una criniera più spessa di quella dei suoi parenti stretti.

Era un predatore della foresta, abituato a cacciare in montagna, anche se a volte doveva cercare cibo in zone pianeggianti e desertiche.

A causa della riduzione del suo habitat naturale e del cibo, questa specie iniziò a predare animali domestici: dromedari, capre e asini. Ciò ha accelerato la sua scomparsa in natura quando i contadini lo cacciavano.

5. La lucertola dalla coda spinosa sahariana

Dalla famiglia dei rettili marocchini, la lucertola dalla coda spinosa sahariana è una delle più “famose” del paese. Come indica il nome, ha un'ampia coda ricoperta da spesse squame.

Questa lucertola cambia colore man mano che cresce. I giovani hanno toni marroni e gli adulti possono essere neri con macchie gialle.

Scavano buche fino a 2 metri (6,5 piedi) di profondità nella sabbia o nel terreno argilloso per proteggersi dal freddo notturno. Tuttavia, poiché sono a sangue freddo, possono essere visti prendere il sole durante il giorno. Infine, è uno dei pochi erbivori della sua famiglia.

Il cane selvatico africano

Una specie sconosciuta trovata in Africa, il cane selvatico africano è noto per il colore unico del suo mantello e la fedeltà al suo branco. Leggi di più "