Gli animali possono percepire il passare del tempo?

0
32
Gli animali possono percepire il passare del tempo
Gli animali possono percepire il passare del tempo

Gli scienziati ritengono che il modo in cui gli animali percepiscono il passare del tempo sia solo un altro aspetto dell'evoluzione e della sopravvivenza. Ad esempio, alcuni studi suggeriscono che, per le mosche, il mondo sembra muoversi circa 7 volte più lentamente di quanto non faccia per gli esseri umani.

Gli animali più piccoli con un tasso metabolico più veloce, come i colibrì, percepiscono più informazioni in una singola unità di tempo. Ciò significa che sperimentano gli eventi più lentamente rispetto agli animali di corporatura più grande con un metabolismo più lento, come gli esseri umani.

Tutti gli schermi di televisione, computer e film tremolano. All'occhio umano questa luce tremolante fornisce l'illusione di un flusso costante di immagini, a causa delle alte frequenze a cui operano questi display.

È così che è stata misurata la percezione relativa del tempo, che è unica per ogni specie. Questa è chiamata "frequenza critica di fusione dello sfarfallio". Questa frequenza di fusione è il punto in cui i lampi di luce sembrano fondersi davanti agli occhi dello spettatore. In questo modo, una fonte di luce oggettivamente intermittente dà l'illusione di essere costante.

Quando bussiamo a una porta un essere umano percepirà una raccolta di eventi simultanei, una combinazione di suoni, vista e sensazioni tattili. In realtà, le informazioni – in modalità diverse, ma dalla stessa fonte – viaggiano attraverso il cervello lungo percorsi diversi.

In effetti, queste informazioni raggiungono i centri di elaborazione del cervello in momenti diversi. In quanto tale, è ragionevole presumere che il cervello debba impegnarsi nel controllo sensoriale-motorio e nell'elaborazione delle informazioni per farci percepire il "qui e ora".

Sulla base di questi fatti, gli esperti ritengono che l'interpretazione delle diverse modalità sensoriali che sembrano verificarsi simultaneamente richieda un'elaborazione delle informazioni tipica del cervello umano. Questo processo è ciò che ci dà la rappresentazione del tempo umano.

Nel caso di altri animali, la percezione del passare del tempo sarà influenzata dal modo in cui il loro sistema sensoriale gestisce le informazioni relative alla posizione e alla velocità.

Le mosche possono rilevare il lampeggiare di una luce lampeggiante fino a quattro volte più velocemente di quanto possano fare gli esseri umani. Questo spiega come le mosche evitano di essere schiacciate.

Le mosche percepiscono il nostro "tempo" come se accadesse al rallentatore, dando loro tutto il tempo per fuggire. Naturalmente, il tempo in realtà scorre alla stessa velocità.

Gli occhi di una mosca inviano aggiornamenti al suo cervello molto più frequentemente dei nostri. I suoi processi mentali sono anche molto più veloci dei nostri.

La ricerca suggerisce anche che più un animale è piccolo e più veloce è il suo tasso metabolico, più lentamente percepirà il passare del tempo.

Gli animali studiati abbracciavano più di 30 specie, inclusi roditori, anguille, lucertole, galline, piccioni, cani, gatti e tartarughe liuto.

La ricerca suggerisce che, in un'ampia gamma di specie, il modo in cui percepiscono il passare del tempo è direttamente correlato alla loro dimensione.

Questi studi evidenziano l'importanza della percezione del tempo negli animali. In natura, la capacità di percepire il tempo su scale molto piccole può fare la differenza tra la vita e la morte.

Per qualsiasi organismo, l'ecologia consiste nel trovare una nicchia che nessun altro può riempire, dove può avere successo.

Il registro uditivo di molti animali consente loro di sentire i suoni in uno spettro in cui l'orecchio umano non funziona. Allo stesso modo, alcuni animali potrebbero essere in grado di sfruttare a proprio vantaggio le differenze nella percezione del tempo tra le specie.

Ad esempio, molte specie, come le lucciole e gli animali di acque profonde, utilizzano luci lampeggianti come segnali. È possibile che specie predatrici più grandi e più lente potrebbero non essere in grado di decodificare questi segnali.

Se il sistema visivo del predatore non è abbastanza veloce, questa forma di comunicazione visiva potrebbe fornire alle specie segnalatrici un canale segreto di comunicazione.

Abbiamo ancora molto da imparare sulla percezione del tempo negli animali. Questi tipi di studi suggeriscono che la percezione del passare del tempo costituisce una dimensione poco esplorata, in cui alcune specie possono specializzarsi.

Sono necessarie ulteriori ricerche per capire come gli animali usano le loro abilità al rallentatore. È possibile che ci possano essere aspetti della vita animale che potrebbero essere invisibili ai nostri occhi.

Tutto quello che avresti voluto sapere sulle lucciole

Questi incantevoli insetti sono caratterizzati dalla loro capacità di illuminarsi. Scopri tutto quello che vuoi sapere sulle lucciole nell'articolo che segue. Leggi di più "