Il diavolo della Tasmania ritorna nell'Australia continentale

0
899
Il diavolo della Tasmania ritorna nellAustralia continentale
Il diavolo della Tasmania ritorna nellAustralia continentale

Ci sono buone notizie nel mondo della conservazione degli animali, Fonti ufficiali hanno recentemente rivelato che il diavolo della Tasmania è tornato nell'Australia continentale dopo 3000 anni.

Questa specie è scomparsa dal continente australiano nel mezzo del periodo dell'Olocene, l'attuale era geologica. Le cause non sono del tutto note ma il diavolo della Tasmania fu confinato nell'isola di Tasmania, un piccolo stato insulare che appartiene al governo dell'Australia.

Questa è una grande notizia per tutti gli ecologisti e gli ambientalisti di tutto il mondo perché mostra che, anche in rare occasioni, gli esseri umani possono ripristinare la terra che un tempo avevano tolto ad altre specie.

Australia, la terra perduta del diavolo della Tasmania

Il Diavolo della Tasmania (Sarcophilus harrisii) è un marsupiale appartenente alla famiglia Dasyuridae. Nota che è il più grande marsupiale carnivoro del mondo e ha le dimensioni di un piccolo cane.

Al di là delle sue caratteristiche morfologiche, questa specie è interessante per la sua sopravvivenza in condizioni piuttosto limitanti. Per migliaia di anni, l'isola della Tasmania è stata la loro principale area di distribuzione, si tratta di circa 42253 miglia quadrate al largo della costa meridionale del continente australiano.

Inoltre, l'Unione internazionale per la conservazione della natura (IUCN) considera questo marsupiale una specie in via di estinzione. Secondo le loro stime, attualmente non ci sono più di 15.000 individui in natura. Ma come ci sono arrivati?

Un calo demografico in corso

Questa specie era distribuita in tutto il continente australiano nel mezzo del Pleistocene. Però, le sue popolazioni si ridussero a tre gruppi rimanenti nell'isola di Tasmania durante l'Olocene.

Non conosciamo davvero le cause esatte di questo declino esagerato. Tuttavia, sappiamo che ha coinciso con l'espansione dei dingo, una specie di lupo, e degli aborigeni in tutto il continente. Non è chiaro se la caccia diretta, la competizione interspecifica o una combinazione di fattori abbiano portato alla loro scomparsa.

Anche così, il calvario del diavolo della Tasmania non è terminato quando sono finiti confinati sull'isola. In realtà, questi sono due eventi disastrosi per questa specie:

  • I ricercatori hanno osservato un netto calo della popolazione nei primi decenni del 20 ° secolo. Alcuni credevano che fosse un animale cattivo con una pelliccia piuttosto bella -simile agli opossum e ai wallaby- motivo per cui ne hanno cacciati oltre 900.000 in pochi anni.
  • Nonostante sia una specie protetta dal 1941, le persone cacciavano circa 10.000 individui all'anno a metà degli anni novanta.

Oltre a questo, i diavoli della Tasmania sperimentano un tipo unico di cancro al viso. Le stime indicano che questa patologia è stata un'altra causa della diminuzione dal 20% all'80% delle popolazioni in alcune aree.

Come puoi vedere, questo spaventoso marsupiale ha avuto difficoltà storicamente parlando. Oltre alla continua caccia negli anni, ha dovuto affrontare l'unico tipo di cancro contagioso.

Buone notizie per il diavolo della Tasmania

Fonti professionali come la rivista National Geographic sottolineano l'importanza della notizia abbiamo menzionato sopra. Questo perché è una nuova opportunità per la sopravvivenza della specie.

Grazie all'ambizioso progetto Devil Comeback – promosso dalle organizzazioni Aussie Ark, WildArk e Global Wildlife Conservation – 26 diavoli della Tasmania sono stati liberati nel santuario naturale di Barrington Tops.

Si tratta di una riserva di circa 400 ettari situata nello stato del New South Wales. Al di là dell'esatta posizione geografica, la cosa più importante è che il diavolo della Tasmania è tornato nel continente australiano.

Gli sforzi per la sua conservazione però non finiscono qui. Le organizzazioni menzionate prevedono di integrare circa 40 individui in più nei prossimi due anni dopo il successo della prima reintroduzione. La speranza è che questo marsupiale si stabilisca nel suo ambiente originale.

Questo non è solo per incoraggiare la proliferazione della specie, ma anche per ottenere un ecosistema più equilibrato e naturale con predatori nativi.

Come puoi vedere, la reintroduzione del diavolo della Tasmania nel continente australiano non è avvenuta per caso. Questo piano ha richiesto decenni di sforzi da parte di più organizzazioni. Sicuramente ci troveremmo di fronte all'estinzione della specie senza il loro coinvolgimento.

Grazie per aver letto.

Caratteristiche della tigre della Tasmania

La tigre della Tasmania, nota anche come lupo marsupiale, tilacino o lupo della Tasmania, era un mammifero marsupiale vissuto fino al XX secolo. Leggi di più "