Il veleno di serpente è una cura inaspettata?

0
70
Il veleno di serpente è una cura inaspettata
Il veleno di serpente è una cura inaspettata

Hai paura dei serpenti? Attualmente esistono circa 3000 specie conosciute. Tuttavia, solo il veleno di serpente di 450 di queste specie è potenzialmente pericoloso per gli esseri umani.

Allo stesso modo, il loro veleno uccide circa 100.000 persone ogni anno, principalmente in Asia, Africa e America Latina. Nonostante questa statistica sfortunata, scoperte mediche che utilizzano veleno di serpente stanno salvando vite umane.

Vale la pena ricordare che ogni specie di serpente ha sviluppato il suo veleno per ottenere una squisita specificità per quanto riguarda i punti deboli delle prede e dei predatori. Quindi, scienziati esperti stanno tentando di svelare le formule che la natura ha perfezionato per scopi medicinali.

È importante sottolinearlo veleno può contenere centinaia di componenti differenti. Pertanto, questo composto è una miscela complessa di componenti farmacologicamente attivi.

La natura del veleno varia a seconda di ciascuna specie. Inoltre, anche all'interno della stessa specie, la composizione cambia visibilmente secondo la distribuzione geografica, l'età, il sesso e la dieta. Per quanto riguarda i componenti del veleno, possiedono diverse funzioni:

  • Per esempio, alcune tossine, note come neurotossine, influenzano il sistema nervoso. È comune che le neurotossine impediscano la trasmissione dei segnali al cervello, provocando la paralisi.
  • Altri, noti come emotossine, influenzano il sistema circolatorio. In questo caso, possono causare l'esplosione dei globuli rossi o la coagulazione del sangue. Inoltre, possono portare a una pressione sanguigna pericolosamente bassa.
  • Allo stesso tempo, ci sono anche le micotossine, che danneggiano il sistema muscolare. Queste tossine causano la morte dei tessuti muscolari e prevengono la contrazione muscolare, provocando la necrosi.

Secondo diversi studi, le tossine nel veleno di serpente si sono evolute per milioni di anni per svolgere una funzione specifica. Con questo in mente, gli scienziati mirano a isolare queste tossine. E sperano di aggiustarli leggermente e di usarli come base per nuovi farmaci efficaci.

La squisita selettività è un vantaggio che queste tossine hanno per usarle come possibili terapie. Questo perché riducono al minimo la possibilità di effetti collaterali indesiderati. Inoltre, date le loro potenzialità, anche piccole quantità possono avere effetti significativi.

Attualmente ci sono innumerevoli possibilità quando si tratta di sviluppare nuovi farmaci. Ad esempio, antidolorifici, farmaci per il diabete e persino per trattamenti contro il cancro. In effetti, in questo momento ci sono farmaci sul mercato derivati ​​da tossine modificate.

Secondo gli esperti, circa 20 milioni di tossine rimangono inesplorate in natura.

Per migliaia di anni, gli esseri umani hanno usato il veleno di serpente per scopi medicinali. Ciò include la medicina ayurvedica, l'omeopatia e la medicina tradizionale / popolare.

Inoltre, nel mondo dell'antica Grecia, le persone consideravano i serpenti gli dei della medicina. Infatti, il simbolo del serpente continua ad essere utilizzato per la medicina e la farmacia.

La medicina ayurvedica utilizzava il veleno di serpente per trattare il dolore, l'infiammazione e l'artrite. Inoltre, i cinesi hanno usato per secoli il veleno di serpente per curare la dipendenza da oppiacei. Allo stesso tempo, gli indiani lo combinavano con l'oppio per curare il dolore.

Attualmente, c'è un'enorme attenzione in tutto il mondo sull'uso delle tossine nello sviluppo di nuovi farmaci. Tuttavia, ci sono solo alcuni di questi farmaci già sul mercato. Molti di questi composti inibiscono i coaguli di sangue in modi diversi e servono come trattamento contro gli attacchi di cuore. Per esempio:

  • Captopril, exenatide, liraglutide ed eptifibatide provengono tutti dal veleno del serpente brasiliano Bothrops jararaca. Questi farmaci aiutano a trattare l'ipertensione e l'insufficienza cardiaca congestizia. Il captopril è stato il primo farmaco che gli scienziati hanno sviluppato dal veleno di serpente negli anni '70.
  • Un derivato del veleno del serpente a sonagli pigmeo miliarius barbouri aiuta a prevenire l'ischemia cardiaca acuta.
  • Veleno del serpente Echis carinatus viene utilizzato per produrre il farmaco tirofiban, che inibisce l'aggregazione piastrinica.
  • Il veleno purificato della specie Bothrops moojeni ha portato a farmaci per attacchi cardiaci acuti, angina toracica e sordità improvvisa.
  • Un fattore di coagulazione del sangue purificato dalla specie Bothrops atrox è usato per trattare le emorragie di varie origini.

Le tossine nel veleno di serpente hanno anche il potenziale per diventare nuovi antidolorifici. Ad esempio, la tossina crotalfina, dal veleno di Crotalus durissus è in grado di indurre sollievo dal dolore attraverso la modulazione dei recettori oppioidi.

Nel 2012, un gruppo di ricercatori ha trovato peptidi con effetti analgesici nel veleno del mamba nero, Dendroaspis polylepsis. Queste tossine, note come mambalgins, funzionano bloccando i canali ionici nei neuroni che trasmettono il dolore.

Questo studio ha portato a un rinnovato interesse per i canali ionici come target terapeutico. A differenza di droghe come la morfina, il vantaggio dei mambalgins è che mantengono la loro efficacia nonostante l'uso continuo. Gli scienziati sperano che queste tossine porteranno allo sviluppo di un'alternativa alla morfina che non crea dipendenza.

È molto interessante saperlo alcune tossine proteiche in molti veleni di serpente possiedono una particolare struttura molecolare. Li conosciamo come tossine a tre dita (TFT), che di solito corrispondono ai componenti più attivi di ciascun veleno.

Questo gruppo di tossine è già in uso grazie all'azione che produce sui vasi sanguigni. Ad esempio, il file Acetilcolina muscarinica(MTα) offre un trattamento per i disturbi della pressione sanguigna. Altre tossine, come KT-6.9, sono utili nel trattamento dei disturbi della coagulazione del sangue.

Attualmente, gli scienziati conoscono più di 700 sequenze proteiche di TFT e ogni giorno vengono aggiunti nuovi membri.

Inoltre, nell'ultimo decennio, gli scienziati hanno fatto nuove scoperte in materia di TFT. Questi includono variazioni strutturali e nuovi tipi di attività biologiche per il TFT che già conoscono. Di seguito sono riportate alcune di queste attività inaspettate:

  • Interazione con i recettori dei fattori immunizzanti.
  • Influisce sul recettore dell'insulina (cardiotossina 1), che potrebbe essere potenzialmente utile per i pazienti con diabete di tipo 2.
  • L'attivazione della motilità degli spermatozoi (Actiflagelin), che potrebbe portare a un potenziale trattamento dell'infertilità maschile.

Il veleno di serpente è uno strumento molto potente e utile sia per i serpenti stessi che in termini di cure mediche. Si spera che lo sviluppo di nuovi antiveleni ridurrà il numero di persone che muoiono per morsi di serpente.