In che modo gli orsi si prendono cura dei loro cuccioli?

0
661
In che modo gli orsi si prendono cura dei loro
In che modo gli orsi si prendono cura dei loro

L'orso bruno (Ursus arctos) può sembrare un mammifero piuttosto feroce. Quando si alza sulle zampe posteriori, anche l'essere umano più intrepido si sentirebbe terrorizzato. Nonostante il suo aspetto imponente, tuttavia, guardare come gli orsi si prendono cura dei loro cuccioli è uno spettacolo commovente e affascinante.

Oltre al loro istinto naturale, le pressioni ambientali hanno indotto gli orsi ad adottare nuove tattiche per evitare i pericoli posti dagli umani. Quindi, se vuoi sapere come si prendono cura dei loro piccoli in un mondo globalizzato, ti invitiamo a leggere.

A proposito dell'orso bruno

Prima di immergerci nelle tattiche materne di questa specie, è importante conoscere alcuni dei fatti più rilevanti sull'orso bruno. Stiamo guardando un mammifero della famiglia degli Ursidae, tipico dell'Eurasia e del Nord America. Presenta una gamma morfologica molto marcata, poiché la sua lunghezza varia da 5 piedi a quasi 10 piedi. Allo stesso tempo, può pesare da 220 a 1.490 libbre.

Questi animali sono onnivori, poiché hanno quattro canini affilati nella mascella, tipici dei carnivori. Allo stesso modo, possiedono anche incisivi e molari adatti al taglio di erbe e steli.

Per quanto riguarda la riproduzione, gli orsi si riproducono tra maggio e luglio e il periodo di gestazione è di circa due mesi. Durante il periodo di cura dei genitori, è normale vedere le femmine che viaggiano come un nucleo familiare con i loro cuccioli.

Tuttavia, le madri possono dare alla luce da uno a tre cuccioli più della metà dei gruppi è composta da due cuccioli e la madre. Durante questo periodo, che dura circa un anno e mezzo, trascorrono il loro tempo nel modo seguente:

  • Le famiglie degli orsi investono più di Il 60% del tempo alla ricerca di cibo
  • Il 22% del loro tempo corrisponde al movimento, di solito comportano attività di raccolta
  • Investono pochissimo tempo nel riposo (9,4%), nei processi di lattazione (1%, 2%) e il meno che fanno è giocare (1%)

Nuove tecniche per adattarsi ai nuovi tempi

Nonostante l'impronta genetica delle varie specie animali, si adattano all'ambiente e ai suoi mutamenti. Di seguito vi mostreremo come si prendono cura dei loro cuccioli in un ambiente altamente modificato dagli esseri umani.

Gli orsi usano gli esseri umani come una "barriera"

Uno studio pubblicato sulla Royal Society ha portato alla scoperta di comportamenti insoliti nel modo in cui si prende cura dei propri cuccioli. Anche se sembra incredibile le femmine con cuccioli (situate in Svezia) si avvicinano a gruppi di popolazione umana per evitare il comportamento aggressivo dei maschi nella loro specie.

È normale che i grizzly maschi scelgano di uccidere i cuccioli di una femmina con cui non si sono procreati. Questo perché farlo potrebbe renderla più ricettiva sessualmente prima. Pertanto, la selezione da parte della madre orsa di un habitat adatto influenzerà direttamente la sopravvivenza della sua prole.

In questo studio, i ricercatori hanno osservato che le madri di maggior successo sono state quelle che hanno scelto habitat vicini agli esseri umani. Scelgono aree vicine alle aree popolate con vegetazione sufficiente per proteggere se stessi e le loro famiglie. Questo perché i maschi in calore non si avventurano così lontano dalla volta della foresta. Pertanto, queste madri coraggiose ci usano come scudo per impedire ai loro piccoli di mettersi in pericolo.

Gli orsi si prendono cura dei loro figli più a lungo per paura di essere cacciati

Naturalmente, non tutte le interazioni dell'orso bruno con gli esseri umani sono positive. Secondo uno studio della rivista Nature Commons, il tempo che gli orsi trascorrono con i loro cuccioli aumenta con la presenza dei cacciatori.

In generale, le femmine si prendono cura dei loro cuccioli per un anno e mezzo. Tuttavia, i dati mostrano che questo periodo può estendersi a 2,5 anni, soprattutto nelle aree in cui la caccia rappresenta una minaccia per la loro sopravvivenza. Poiché è illegale uccidere le madri che sono con i loro cuccioli, più a lungo rimangono con la loro prole, maggiori sono le loro possibilità di sopravvivenza.

Questo è un chiaro caso di compromesso evolutivo. In altre parole, più a lungo le femmine stanno con la loro prole, meno saranno in grado di riprodursi, ma più a lungo vivranno.

Il rischio di una femmina di essere cacciata è quattro volte maggiore quando va da sola rispetto a quando è accompagnata dalla sua prole.

Ci sono due lati della storia

Come abbiamo visto, gli esseri umani possono essere sia benefici che dannosi per una femmina di orso grizzly con i giovani. Sebbene questi meccanismi adattativi siano affascinanti, non possiamo fare a meno di pensare che, come specie, è un vero peccato che la nostra attività sia così dannosa da causare cambiamenti nel comportamento ancestrale di altre specie.

Cose interessanti che non sai sugli orsi polari

Sapevi che una donna ha nuotato per 425 miglia in soli 9 giorni? Oggi vi diremo altre cose che non sapevate sugli orsi polari. Leggi di più "