L'ofidico più grande del mondo: l'Anaconda

0
692
Lofidico più grande del mondo lAnaconda
Lofidico più grande del mondo lAnaconda

È grande, ha un aspetto pauroso e appartiene alla famiglia dei boa. L'anaconda è la più grande ofidica del mondo e vive nei fiumi tropicali del Sud America. Incontra questo gigante in questo articolo!

L'habitat dell'anaconda

È una specie endemica del Sud America, in particolare dei bacini fluviali dell'Amazzonia, dell'Orinoco, del Paraguay, del Putumayo, del Napo e del Paraná. Si trova principalmente in Brasile, Colombia e Venezuela, ma è presente anche in Paraguay, Perù, Bolivia ed Ecuador.

Gli anaconda amano stare nell'acqua così come sugli alberi e preferiscono gli stagni d'acqua stagnante piuttosto che i fiumi che scorrono veloci. Passano molte ore sott'acqua a inseguire la loro preda, mentre i loro muscoli li rendono veloci nuotatori.

Anche se la loro pelle non ha valore commerciale, a volte viene utilizzata per la pelletteria. Tuttavia, questa non è la principale minaccia che devono superare.

Stanno affrontando la distruzione della foresta e la persecuzione da parte degli agricoltori che li considerano un rischio per i bambini e il bestiame. Quello che molti non sanno è che l'anaconda svolge un ruolo molto importante nel controllo delle infestazioni di ratti.

Tratti dell'anaconda

Di tutti i serpenti esistenti, l'anaconda è il più pesante. Inoltre "compete" con il pitone reticolato per il titolo di serpente più grande del mondo. Anche se è estremamente temuto dalle persone, questo serpente non attaccherà a meno che non si senta minacciato. Fortunatamente per noi, non facciamo parte della sua catena alimentare … Tuttavia, dovremmo comunque stare molto attenti se lo incontriamo!

È verde scuro con segni ovali neri e ocra e una pancia più chiara. Poiché è la più grande ofidica del mondo, l'anaconda è anche molto facile da distinguere per le sue dimensioni e lunghezza. Il design dell'estremità della coda è unico per ogni esemplare, come se fosse un'impronta digitale.

Il muso è ricoperto da tre squame per lato e questo è il tratto principale che lo differenzia dagli altri serpenti, e che lo include all'interno del genere boa. Con una testa piccola, occhi rialzati e narici che gli permettono di nuotare e respirare allo stesso tempo, questo ofidico ha i suoi recettori olfattivi sulla lingua, proprio come gli altri serpenti.

Per quanto riguarda le sue dimensioni, ci sono diversi dibattiti al riguardo: il più grande documentato misurava 8,56 metri (28 piedi), tuttavia di solito raggiungono i cinque metri (16 piedi) di lunghezza.

Dieta

I principali rivali di questo ofidico sono il giaguaro e il caimano, con i quali compete per il cibo “grande”, ovvero i tapiri o capibara. Consuma anche pecari, coati, grandi roditori, giovani cervi, pesci, uova e rettili.

Quando gli animali si avvicinano a un laghetto per abbeverarsi, l'anaconda ne approfitta per catturarli con le sue forti mascelle, poi si arriccia intorno al corpo e li soffoca o li annega. L'attacco non dura più di 10 secondi.

Quando trova una preda sulla terraferma, può cadere da un ramo e sorprenderla. La sua forza gli permette di premere sul torace e impedire all'animale di respirare.

Una delle caratteristiche principali al momento del mangiare è quella non schiaccia il suo cibo, ma lo inghiotte intero. Come lo fa? Le sue fauci si sbloccano e si aprono. Aggancia la carne dell'animale con i suoi denti aguzzi e striscia finché non la divora completamente. Potrebbero essere necessarie anche settimane per digerirlo. Durante questo periodo l'anaconda si comporta come se dormisse vicino all'acqua o su un ramo.

Riproduzione dell'anaconda

Per quanto riguarda la riproduzione, questa specie presenta un grande dimorfismo sessuale. Le femmine sono molto più grandi dei maschi: 5 metri (16 piedi) e 50 chili (110 libbre) rispetto a 3 metri (10 piedi) e 20 chili (44 libbre) nei maschi.

La stagione degli amori si svolge tra aprile e maggio. Le femmine attirano i loro “corteggiatori” con un segnale olfattivo. Durante l'ultima fase del corteggiamento, possono esserci fino a 12 maschi che combattono per una singola femmina. Sceglie il vincitore, con il quale intreccia la coda durante l'inseminazione.

Perché l'ippopotamo è un animale pericoloso

Nonostante sia un erbivoro dall'aspetto apparentemente pacifico, l'ippopotamo è un animale pericoloso. In effetti, è ancora più pericoloso del leone. Leggi di più "