Malattie autoimmuni nei cani: cosa sapere?

0
364
Malattie autoimmuni nei cani cosa sapere
Malattie autoimmuni nei cani cosa sapere

Le malattie autoimmuni possono colpire sia le persone che gli animali domestici. Anche se tutti abbiamo una vaga idea del sistema immunitario, è normale che non si capisca completamente come funziona. Potremmo non essere in grado di descrivere la posizione dei suoi organi o visualizzarne la funzione.

Questo perché le cellule del sistema immunitario si diffondono nei linfonodi dell'intero corpo. Sono anche nella milza, nel timo, nei polmoni, nell'intestino e in ogni altro organo del corpo. Queste cellule pattugliano il corpo, circolando nel flusso sanguigno.

Fallimenti dell'immunità

Nelle malattie autoimmuni, il sistema immunitario attacca erroneamente i tessuti del corpo. Le cellule immunitarie non sono in grado di distinguere le normali cellule sane nel corpo da quelle estranee e, quindi, cercano di distruggerle.

La causa di questo "errore" non è ben compresa. La malattia può colpire solo un sistema o più sistemi del corpo, come la pelle, i tessuti connettivi, i nervi e i muscoli. Inoltre, il sistema endocrino (il sistema che controlla gli ormoni e altre sostanze chimiche), le articolazioni, i globuli rossi e il sistema digestivo possono essere ugualmente colpiti.

Quali fattori sono associati alle malattie autoimmuni nei cani?

Attualmente, la scienza non è in grado di spiegare completamente le cause di queste malattie. Però, in molti casi, la genetica di un cane è il principale sospettato. In questo senso, in alcune razze esiste una maggiore incidenza di questo tipo di malattie.

Ad esempio, la tiroidite linfocitica si verifica più frequentemente in Alani, Golden Retriever, Cocker Spaniel, Old English Sheepdogs e Beagle, per citarne solo alcuni. Vale la pena notare che alcune di queste razze sono suscettibili a più di una malattia autoimmune, come l'Old English Sheepdog, anch'esso incline all'anemia emolitica autoimmune.

Inoltre, i rapporti indicano altri fattori scatenanti come l'esposizione a determinati farmaci (antibiotici), infezioni croniche o trasmesse da zecche e cancro. Anche altre infezioni croniche come la malattia delle valvole cardiache e le infezioni del midollo spinale possono agire come trigger.

Data l'associazione tra antibiotici e malattie autoimmuni, molti studi indicano lo squilibrio microbico intestinale come probabile causa. Infine, anche se non è stato stabilito un collegamento definitivo, anche i vaccini sono stati collegati a queste malattie.

Tipi di malattie autoimmuni canine

Attualmente esiste un ampio spettro di disturbi del sistema immunitario nei cani. Tuttavia, nella pratica veterinaria i seguenti sono i più comuni:

  • Artrite: Colpisce le articolazioni e spesso causa dolore e riduzione della mobilità.
  • Trombocitopenia immuno-mediata: Causato dalla distruzione delle piastrine.
  • Cheratocongiuntivite Sicca: Condizione "occhio secco".
  • Malattia infiammatoria cerebrale: Colpisce in particolare i cani di razza giocattolo.
  • Pemfigo foliaceo: La più comune di molte malattie associate a disturbi immunitari della pelle.
  • Malattia infiammatoria intestinale: Provoca infiammazione cronica della mucosa intestinale.

In tutti i casi, il riconoscimento precoce è estremamente importante. Se non trattate, le complicanze delle malattie autoimmuni sono gravi e il coinvolgimento di più sistemi è comune.

Più tardi vengono trattate le malattie autoimmuni, più difficili e complicate diventano la diagnosi e il trattamento.

Quali sintomi possono segnalare un disturbo del sistema immunitario?

È importante tenerlo presente il cane deve essere costantemente sottoposto a controlli. Cerca piccole aree sanguinanti sulla pelle e sulle gengive, chiamate petecchie. È anche necessario rilevare ulcerazioni su gambe, pelle, occhi e bocca. Dovrai essere consapevole della comparsa di aree di alopecia e croste su qualsiasi parte del corpo.

Vale la pena notare che un ottimo alleato per la diagnosi precoce delle lesioni sono i toelettatori. Spesso rilevano lividi sulla pelle, gengive sanguinanti o diarrea sanguinolenta durante la rasatura. Questi professionisti hanno rilevato molti casi.

È importante osservare quotidianamente la possibile presenza di sangue nelle urine e nelle feci o un naso sanguinante. Inoltre, fai attenzione se hanno occhi rossi, irritati e secrezioni oculari dense simili a muco.

Naturalmente, i cambiamenti nelle abitudini come perdita di appetito, letargia, affaticamento e febbre sono altri importanti segnali di allarme. Possono verificarsi anche sintomi importanti come convulsioni, cecità, perdita di equilibrio o coordinazione e tremori.

Come vengono diagnosticate e gestite le malattie autoimmuni?

In primo luogo, è necessario disporre di storie cliniche dettagliate, analizzare sangue e urine, prelevare campioni di biopsia tissutale e eseguire raggi X, ultrasuoni e risonanza magnetica. Tutto ciò mira a stabilire una diagnosi preferenziale.

Allo stesso modo, il veterinario probabilmente prescriverà farmaci per aiutare il cane a combattere qualsiasi infezione, virus o allergia che potrebbe causare i sintomi. In generale, gli steroidi come il prednisone sono la prima linea di trattamento.

Il caso della vaccinazione

Non possiamo perdere di vista la controversia che circonda i colpi di richiamo della vaccinazione nel verificarsi di malattie autoimmuni nei cani. Certamente i vaccini, stimolando il sistema immunitario, possono avere un effetto negativo su un cane con malattie autoimmuni.

Quindi, gli esperti raccomandano di mantenere le vaccinazioni al minimo o di interromperle del tutto. È comune eseguire l'esame del titolo anticorpale. Questo test controlla se i livelli di anticorpi sono sufficienti per proteggere dalle malattie canine senza un richiamo.

Casi che non migliorano

È importante sapere che mentre alcune malattie autoimmuni scompaiono senza mai ricadere, altre possono durare tutta la vita. Pertanto, per queste gravi malattie che non rispondono al trattamento, può essere utilizzato un metodo chiamato scambio plasmatico terapeutico (TPE). Questo trattamento estrae il sangue del paziente e lo filtra per eliminare gli anticorpi che causano danni.

Inoltre, dato il ruolo del microbioma intestinale, esistono integratori per il ripristino intestinale per cani, che forniscono i batteri benefici che mancano al microbioma del cane. Queste capsule contengono materiale fecale accuratamente selezionato – sì, feci – di cani donatori sani. Questa procedura è il trapianto di microbiota fecale.

Una volta che a un animale domestico viene diagnosticata una malattia autoimmune, è necessario prestare attenzione alle ricadute. È importante eseguire esami sanitari regolari e approfonditi, e anche per informare immediatamente il veterinario di eventuali cambiamenti nel livello di attività o nelle condizioni fisiche del tuo animale domestico.

Per i proprietari, la raccomandazione più importante sarebbe sapere cosa è normale per il loro cane. Prenditi 10 minuti al giorno per esaminarli effettivamente, comprese le gengive. Se trovi qualcosa che non va, agisci rapidamente.

Salute mentale e malattia nei cani: come trattarli

Cose come la salute mentale e la malattia sono reali per i nostri cari animali domestici. Nel seguente articolo ti spiegheremo come trattarne alcuni. Leggi di più "