Micotossine e produzione animale – I miei animali

0
644
Micotossine e produzione animale I miei animali
Micotossine e produzione animale I miei animali

Molti funghi hanno la capacità di produrre metaboliti secondari tossici, noti come micotossine. Queste sostanze possono crescere sul ciboe rappresentano un serio rischio per la salute. I più pericolosi possono persino mettere in pericolo vite umane e animali.

Parlando di micotossine e produzione animale, ce n'è una che abbia effetti negativi sulla riproduzione? Ecco alcune delle micotossine più rilevanti per la salute pubblica e animale e i loro effetti sul successo riproduttivo del bestiame.

Innanzitutto, definiamo il termine micotossicosi. Questo si riferisce a intossicazione per inalazione o ingestione di alimenti contaminati da micotossine. Nel regno animale, questo tipo di intossicazione può verificarsi in due modi:

  • Direttamente, negli erbivori che consumano verdure contaminate dal fungo.
  • Indirettamente, nei carnivori che consumano carne di un animale precedentemente intossicato.

Le micotossine secrete dai funghi colonizzano tutti i tipi di cibo e foraggi conservati in cattive condizioni. I tre generi fungini segnalati per produrre micotossine più spesso, sono:

  • Aspergillus spp.
  • Penicillium spp.
  • Fusarium spp.

La capacità di un fungo di produrre micotossine dipende da molti fattori come umidità, temperatura, substrato / cibo e ossigeno. Perciò, l'insorgenza di micotossicosi può variare a seconda delle condizioni geografiche e climatiche.

Le micotossine che causano la maggior parte dei problemi nella produzione animale sono solitamente le seguenti:

  • Aflatossine: prodotto da diverse specie di Aspergillus flavus e parasiticus.
  • Ocratossina A: prodotto da diverse specie di Aspergillus e Penicillium.
  • Tricomi, zearalenone e fumonisine: prodotto da funghi del genere Fusarium.

La tossicità di questi metaboliti può interessare tutti i tipi di organi negli animali, dallo sviluppo di effetti cancerogeni, teratogeni o mutageni e alterazioni nel fegato, reni e apparato digerente, allo sviluppo di disturbi ormonali o immunosoppressivi.

Gli effetti delle micotossine possono compromettere il successo riproduttivo di un'azienda agricola?

Possiamo rispondere a questa domanda utilizzando l'esempio di un allevamento di suini e analizzando l'effetto di diverse micotossine su di esse. Di seguito, approfondiamo l'argomento in base al tipo di micotossina studiata.

Zearalenone

Questa è una tossina iperestrogenica. In altre parole, attiva il metabolismo degli estrogeni, che altera il normale funzionamento del sistema riproduttivo femminile. Un apporto alimentare costante di questo composto porta a sintomi come vulvovaginite, mamite, disturbi del ciclo mestruale, false gravidanze, aborti e infertilità.

Perciò, il normale corso della riproduzione in allevamento ne risentirà notevolmentee ciò comporterà una notevole perdita economica. Tuttavia, è vero che i suoi effetti sono transitori e scompaiono con un cambio di dieta.

Aflatossine

Nei suini, queste micotossine abbassano il sistema immunitario e hanno effetti cancerogeni e mutageni. Inoltre, sono epatotossici (dannosi per il fegato), causando anemia, nefrosi, sanguinamento sistemico e morte. Pertanto, sono, con ogni probabilità, le micotossine più problematiche e pericolose.

A livello riproduttivo, possono causare aborto e gallactia, cioè mancanza di latte durante l'allattamento. Inoltre, possono essere trasferiti ai suinetti appena nati, influenzando la loro risposta immunitaria.

Esiste un metodo per controllare la contaminazione da micotossine negli animali?

Attualmente, non è possibile smaltire completamente cibo e foraggi contaminati da micotossine. Tuttavia, ci sono diversi modi per ridurne i livelli ed evitare un'esposizione prolungata. In effetti, è il consumo cronico che spesso aggrava gli effetti della micotossicosi.

Uno dei metodi più efficaci per ridurre i livelli di micotossine nei foraggi è applicare le ben note "buone pratiche agricole". Pertanto, è necessario mantenere i massimi livelli di igiene durante la coltivazione, la raccolta e il trasporto.

Queste pratiche sono diventate fondamentali per considerare la filiera agroalimentare come un insieme integrato in cui il foraggio animale è il primo anello.

Successivamente, durante la trasformazione delle materie prime in foraggio nell'industria dei mangimi per animali, è importante applicare buone pratiche igieniche. Questo riduce al minimo i livelli di micotossine nel prodotto finale.

È a questo punto che, ad esempio, aumenta il pericolo di contaminazione incrociata. Quindi, qualche altro alimento, compreso quello destinato al consumo umano, può essere infettato.

Qualsiasi allevamento di animali dipende da un certo successo riproduttivo per sostenersi nel tempo. Questo è soprattutto il caso dell'allevamento dedicato esclusivamente all'ottenimento di nuove generazioni di animali o alla capitalizzazione del latte delle femmine dopo la nascita. Pertanto, il raggiungimento di uno stato fisiologico ottimale per una riproduzione di successo è fondamentale.

Il fatto che il cibo possa diffondere determinate sostanze dannose per la riproduzione è un problema. Ciò è dovuto al fatto che di solito le quantità sono così piccole che i sintomi non sono abbastanza evidenti da richiedere un trattamento.

Avvelenamento da funghi nei cani: cosa dovrei fare?

L'avvelenamento da funghi nei cani può verificarsi sia in campagna che a casa. Quindi, è molto importante prestare attenzione a ciò che mangia il tuo cane. Leggi di più "