Perché i gatti odiano l'acqua?

0
372
Perché i gatti odiano lacqua
Perché i gatti odiano lacqua

L'idea che i gatti odino l'acqua è uno dei preconcetti più diffusi della cultura popolare. Anche se esistono meccanismi evolutivi che potrebbero giustificare la paura dei felini di questo fluido, sembra che la personalità di ogni animale sia più condizionata del suo codice genetico.

Oltre alla paura generata dalla non familiarità, i gatti temono l'acqua a causa di esperienze negative, la sensazione di essere sopraffatti dalla loro pelliccia bagnata o anche la loro capacità di annusare le sostanze chimiche nell'acqua. Qui ti mostriamo perché questo comportamento è così diffuso nel mondo dei gatti.

Secondo studi archeologici, il gatto domestico (Felis silvestris catus) è un discendente diretto del gatto africano Felis silvestris lybica, una sottospecie felina originaria del Nord Africa e del Medio Oriente.

Si ritiene che gli agricoltori del Medio Oriente è entrato in contatto con questi gatti selvatici circa 10.000 anni fa. Una ragione per addomesticarli potrebbe essere che i villaggi di agricoltori soffrivano di infestazione da roditori, quindi hanno permesso e incoraggiato la presenza di questi gatti nelle loro strade e nei campi.

Questo è il caso di una relazione simbiotica, poiché i gatti ottenevano cibo e gli insediamenti umani stavano sradicando le piaghe, con tutti i benefici coinvolti. Uno stretto contatto nel corso di centinaia di anni avrebbe causato l'emergere della relazione che conosciamo oggi.

Perché questo è importante per comprendere il fatto che i gatti odiano l'acqua? Ebbene, come abbiamo detto, questi gatti domestici sono discendenti diretti di una specie tipica dell'Oriente, una regione con un paesaggio dominato da zone aride, deserti e praterie.

Ovviamente stiamo parlando di un'area in cui l'acqua scarseggia, quindi il parente più stretto del gatto domestico non ha bisogno di avvicinarsi naturalmente a questo fluido. Inoltre, poiché la loro dieta si basa principalmente su roditori e uccelli, non devono avventurarsi sulle rive dei fiumi in cerca di prede, salvo poche eccezioni.

L'habitat naturale del gatto africano è nelle savane e nelle steppe, aree note per la loro mancanza d'acqua. Pertanto, non ha mai imparato a nuotare.

Un esemplare di Felis silvestris lybica.

Al di là della loro condizione genetica ancestrale, i gatti domestici non si sono evoluti per essere in contatto con l'acqua nel corso degli anni. Pertanto, l'esposizione all'acqua provoca loro disagio in vari modi. Alcuni dei sentimenti di disagio che prova un felino lavato sono i seguenti:

  • La pelliccia dei gatti non è fatta per fare il bagno (non è impermeabile), quindi si bagna rapidamente. Per il felino, è come portare un asciugamano pieno d'acqua sul corpo.
  • I gatti possono rilevare odori che gli esseri umani non possono e sono così in grado di percepire i composti chimici presenti nell'acqua. Questo odore artificiale e poco conosciuto spaventa l'animale.
  • Le orecchie dei gatti sono sproporzionatamente grandi rispetto al resto del loro corpo. Ciò significa che c'è un rischio maggiore per l'acqua di entrare nelle orecchie e causare infezioni.

Come possiamo vedere, i gatti semplicemente non sono adatti per nuotare, né per entrare in contatto con l'acqua. La loro pelliccia si inzuppa rapidamente, il che ostacola il loro cammino e aumenta il loro peso corporeo. Inoltre, le loro orecchie si riempiono facilmente di liquido, provocando una sensazione molto spiacevole all'animale.

Dovresti fare il bagno al tuo gatto?

Dopo i fatti sopra citati, è naturale porsi questa domanda. La risposta diretta è che non è necessario farlo frequentemente, poiché questo felino si prende cura della propria igiene leccandosi.

Anche così, dall'età di un anno va bene fare il bagno al gatto ogni tre o quattro mesi. La dispigmentazione del pelo, la consistenza grassa del pelo e il cattivo odore sono segni indiscutibili che il gatto ha bisogno di una doccia.

Sebbene sia vero che la maggior parte dei gatti non ama l'esposizione all'acqua, esistono razze come il Maine Coon. Hanno una pelliccia molto più impermeabile, quindi non si preoccupano di fare un tuffo veloce di tanto in tanto.

Questo adattamento è il risultato della selezione umana, quindi non è una caratteristica che definisce la specie in generale. I gatti provengono da ambienti aridi e secchi, quindi il loro contatto con l'acqua è stato storicamente molto limitato.

Come pulire il tuo gatto senza fargli il bagno

È buon senso che ai gatti non piaccia l'acqua. Ecco perché ci sono alcuni prodotti e trucchi utili per lavare un gatto senza fargli il bagno. Leggi di più "