Perché la foca è conosciuta come il cane da acqua?

0
743
Perché la foca è conosciuta come il cane da acqua
Perché la foca è conosciuta come il cane da acqua

Passa molte ore sdraiato al sole in riva al mare, ha un corpo robusto ed è un agile nuotatore. Il sigillo ci ricorda in molti modi un cane che ama l'acqua. In questo articolo ti parleremo di tutto.

Caratteristiche del sigillo

Il suo corpo è lungo e uniforme, in quanto si è adattato all'ambiente marino in cui vive: in questo modo può nuotare senza problemi e catturare le sue prede. Le sue estremità sono corte e piatte, poiché le usa come pinne per spingerlo attraverso l'acqua.

La foca non "cammina" molto bene sulla terra, praticamente scivola sulle rocce o sulla sabbia aiutandosi con la pancia.

Le due caratteristiche della foca che la differenziano da altri mammiferi pinnipedi marini – come trichechi o leoni marini – sono che mancano di un orecchio esterno e gli arti posteriori sono orientati all'indietro.

Inoltre, la pelliccia della foca è densa e corta negli adulti. Poiché non offre una protezione termica sufficiente contro il freddo, la foca ha uno strato molto spesso di grasso sottocutaneo… che può arrivare a un quarto del suo peso corporeo!

Comportamento delle foche

A differenza dei leoni marini, le foche non formano colonie molto grandi. Alcuni rimangono anche solo con il loro partner – sono monogami – o in una tribù di tre o quattro adulti. Hanno la capacità di nuotare per lunghe distanze e di immergersi molto in profondità, fino a 600 metri (2000 piedi), per catturare la preda. Non sono migratori e prediligono le coste delle baie, sia con scogli che con sabbia.

Quando la femmina allatta i suoi piccoli, il suo latte è ricco di calorie e grassi. Quindi, il cucciolo può sopportare le lunghe assenze della madre, che esce a cercare cibo —Pesci, crostacei e cefalopodi— e possono impiegare ore per tornare.

Al Polo Nord, quei bambini lasciati soli vengono catturati dagli orsi polari, che si nutrono principalmente di foche.

Specie di foche

Attualmente esistono 19 specie di foche, di cui evidenziamo le seguenti come le più "famose" o per i luoghi specifici in cui vivono:

1. Il sigillo grigio

La foca grigia – nella foto all'inizio di questo articolo – vive nelle acque del Nord Atlantico e la colonia con la maggior parte degli esemplari si trova sull'isola di Sable, in Canada. È grande e i maschi, con il pelo scuro, possono pesare fino a 300 chili (660 libbre) e misurare tre metri (10 piedi) di lunghezza. Al contrario, le femmine sono molto più piccole e di un colore più chiaro.

2. Il sigillo Baikal

Chiamata anche nerpa, è l'unica specie di foche che vive in acqua dolce, più precisamente nel lago Baikal, in Siberia. Inoltre, è il più longevo, raggiungendo fino a 55 anni di vita. La pelle è bianca o nera con macchie grigie. Inoltre, trascorre molto tempo sulle rocce circondate dall'acqua e può durare 70 minuti senza venire in superficie per respirare.

3. Il sigillo di Weddell

Vive in Antartide; non migra ma si sposta secondo lo stato del ghiaccio. In questo caso, le femmine sono più grandi dei maschi. Inoltre, grazie alla concentrazione di mioglobina nel sangue, possono immergersi fino a 600 metri (2000 piedi) e trascorrere un'ora sott'acqua senza respirare.

4. La foca monaca mediterranea

È una delle specie di foche più rare ed è in serio pericolo di estinzione. Colonie con pochi esemplari si trovano sulle coste della Turchia, della Grecia, della Mauritania e dell'isola di Madeira. Inoltre, questi sigilli hanno un colore scuro con macchie su tutto il corpo, che consente loro di identificarsi a vicenda.

5. La foca comune o del porto

Abita l'intera costa dei mari temperati e freddi nell'emisfero settentrionale ed è la specie di foche più diffusa. Inoltre, sono di colore marrone, grigio o cannella, hanno narici ricurve e vivono in famiglie in zone rocciose. Inoltre, entro poche ore dalla nascita, i cuccioli di foca possono nuotare senza problemi.

L'orso polare: caratteristiche, comportamento e habitat

Un carnivoro famelico, l'orso polare possiede un corpo privilegiato, che gli consente di adattarsi al freddo estremo. Vi diremo di più nell'articolo di oggi. Leggi di più "