Terapia degli animali domestici

Terapia animali domestici
Terapia animali domestici

È abbastanza comune per i gatti presentare alle cliniche veterinarie con una tosse cronica o sibili. Il problema può essere costante o si ripresenta di tanto in tanto e può variare da lieve a grave. Clinicamente la malattia può assomigliare all’asma umano, ma il termine asma felino può essere fuorviante in quanto vi sono un certo numero di diverse possibili cause. Qui esaminiamo quali possono essere le cause alla base e le diverse forme di trattamento disponibili per i gatti colpiti.

I gatti di solito presentano uno o tutti i seguenti segni:
1. Tossire
2. Ansimare
3. Difficoltà di respirazione.

Una minoranza di casi avrà il classico stato asmatico umano, difficoltà respiratoria ad insorgenza rapida a causa di un grave restringimento dei bronchi. I gatti tendono ad essere di mezza età o anziani e i gatti siamesi possono essere più inclini di altre razze.

Poco si sa circa le cause alla base o fattori esacerbanti nell’asma felina. Potrebbe esserci un elemento di predisposizione genetica. Mentre l’inalazione cronica di sostanze irritanti delle vie respiratorie, come il fumo, ha dimostrato di causare la bronchite negli esseri umani, questo non è stato studiato in dettaglio nei gatti. Allo stesso modo, allergeni come polline, acari della polvere domestica, peli, spore fungine, polvere e lettiere di gatti potrebbero essere implicati in teoria.

Per tornare al confronto con l’asma umano, quando si cerca di capire le cause sottostanti è importante distinguere tra asma (costrizione dei bronchi), bronchite cronica (oversecretion di muco con tosse cronica) e BPCO (broncopneumopatia cronica ostruttiva). L’asma è una costrizione bronchiale reversibile causata da cellule eosinofili, mentre la BPCO è una costrizione bronchiale irreversibile che coinvolge le cellule dei neutrofili.

Ci sono un gran numero di diagnosi possibili quando un gatto si presenta per la prima volta con tosse o difficoltà respiratoria. Ecco alcuni dei più importanti:

1. Edema polmonare. Spesso a causa di gravi malattie cardiache.
2. Bronchite infettiva. Questo può essere dovuto a batteri, virus o parassiti.
3. Malattia pleurica. Riempimento dello spazio tra il polmone e la parete toracica con aria o un versamento.
4. Cancro. Questo può essere un tumore polmonare primario o una diffusione metastatica.
5. Malattia respiratoria indotta da bromuro di potassio. Un effetto collaterale da un farmaco antiepilettico.
6. Fibrosi polmonare idiopatica. Risponde male al trattamento.
7. Tromboembolus polmonare. Alloggiamento di un coagulo in un vaso sanguigno respiratorio che causa difficoltà respiratorie a insorgenza improvvisa.
8. Ipertensione polmonare. Solitamente secondario ad altre malattie cardiache o respiratorie.

1. Esame clinico
Il primo passo nel protocollo diagnostico è un esame clinico approfondito da parte di un veterinario. Questo dovrebbe localizzare l’origine della malattia alle vie respiratorie superiori, alle basse vie aeree o allo spazio pleurico. Se si riscontra che il gatto ha una malattia pleurica, un ago può essere inserito immediatamente per rimuovere l’aria o un campione di versamento sia per la diagnosi sia per il trattamento a breve termine del disturbo respiratorio.

2. Radiografia
Il prossimo test eseguito è di solito radiografia del torace. Questo è il modo migliore di eseguire l’anestesia generale, quindi non vi è possibilità di sfocatura del movimento, anche se in situazioni acute questo non è possibile. Qui è dove si possono ottenere le informazioni più significative.

3. Broncoscopia
La broncoscopia consente la visualizzazione delle vie aeree più grandi e la valutazione di un aumento del muco e dell’infiammazione.

4. Lavaggio tracheale
Ciò comporta l’iniezione di una piccola quantità di soluzione salina nella trachea e il ritiro immediato, quindi l’esame delle cellule e dei detriti raccolti al microscopio.

5. Lavaggio broncoalveolare
Questo è simile alla tecnica sopra descritta, ma il catetere viene inserito completamente in una via aerea inferiore prima che la soluzione fisiologica venga iniettata e ritirata. Questo è quindi un buon test per la malattia delle vie aeree inferiori.

6. Biopsia polmonare
Questa è una procedura invasiva che comporta un rischio significativo per il paziente. È indicato solo laddove si sospetti un cancro diffuso o una fibrosi estesa, o in una malattia grave che risponde scarsamente al trattamento.

Gli scopi del trattamento sono i seguenti:

1. Eliminare eventuali agenti infettivi sospetti. Questo può essere un ciclo sufficientemente lungo di antibiotici se si sospetta un’infezione batterica o un vermifugo come il fenbendazolo se si sospetta la lancinosi.

2. Rimuovere o evitare le sostanze irritanti delle vie respiratorie. Il più ovvio è quello di garantire che il gatto non abbia alcun contatto con il fumo di sigaretta e l’acquisto di lettiere per gatti senza polvere.

3. Rimozione o evitamento di potenziali allergeni. L’allergia agli acari della polvere domestica deve essere esclusa spruzzando la casa con un prodotto acaricida.

4. Terapia cronica per la condizione di base. Per il trattamento a lungo termine di gatti con asma felina, una combinazione di steroidi e broncodilatatori è una scelta popolare. Gli steroidi riducono l’infiammazione e riducono la produzione di muco e possono limitare le conseguenze a lungo termine come la fibrosi. I broncodilatatori sono più utili quando c’è uno spasmo delle vie aeree. Tradizionalmente, i farmaci sono stati somministrati per via orale tramite compresse, ma nel corso degli ultimi anni sono stati immessi sul mercato inalatori a dose controllata come quelli usati per l’asma umano.

La terapia con aerosol ha il vantaggio che la massima concentrazione di farmaco viene consegnata al sito target. Ciò significa che è possibile utilizzare dosi complessive più basse e il gatto ha meno probabilità di subire gli effetti collaterali negativi degli steroidi. Vari inalatori possono essere utilizzati sia nei cani che nei gatti, ma tendono ad essere progettati per gli esseri umani. Di conseguenza, vengono somministrate dosi più elevate rispetto alla medicina umana, poiché gli esseri umani possono essere istruiti a respirare profondamente mentre i gatti respirano normalmente al meglio.

I farmaci glucocorticoidi (steroidi) usati negli inalatori includono beclometasone, fluticasone e budesonide. Beclometasone è economico, ma viene rapidamente assorbito nel flusso sanguigno quando si desidera che si blocchi nell’area in cui è applicato. Fluticasone è più costoso, ma tende a rimanere dove vuoi. Budesonide è relativamente poco costoso e sebbene sia facilmente assorbito nel flusso sanguigno, tende a essere rimosso la prima volta che passa attraverso il fegato.

I farmaci broncodilatatori utilizzati negli inalatori includono Salbutamolo e Salmeterolo. Il salbutamolo agisce molto rapidamente e quindi è utile in caso di crisi causata dallo spasmo dei bronchi. Tuttavia, dura solo per circa 30 minuti ed è quindi inadatto per la terapia cronica in quanto è richiesto un dosaggio frequente. Salmeterolo d’altra parte è più lunga azione e dura circa 12 ore, quindi è possibile la somministrazione due volte al giorno. Salmeterolo è meglio per il controllo a lungo termine dell’asma da lieve a moderato mentre Salbutamolo è migliore per il sollievo dal broncospasmo acuto.

Seretide Evohaler è utile per i gatti che richiedono sia la terapia steroidea che quella con broncodilatatore. Contiene salbutamolo e fluticasone, una combinazione che consente una frequenza minima di dosaggio.

Un dispositivo distanziatore consiste in una camera in cui il farmaco aerosol viene rilasciato ad una estremità, con una maschera all’altra estremità che si adatta perfettamente alla bocca e al naso del gatto. I dispositivi distanziatori umani per neonati (ad es. Babyhaler) possono essere facilmente adattati ai gatti. In alternativa, sul mercato sono disponibili distanziatori veterinari appositamente progettati per gatti (ad esempio Aerokat). Il distanziatore deve essere tenuto sopra i gatti naso e bocca per circa 30 secondi per garantire la consegna completa dei farmaci. Va ricordato che la terapia con aerosol steroide può richiedere fino a 2 settimane per raggiungere il pieno effetto e se il gatto ha già assunto steroidi orali, questi dovrebbero essere gradualmente eliminati durante queste prime 2 settimane.

Generalmente sì. Le dosi possono spesso essere ridotte gradualmente una volta ottenuta la remissione clinica. Come in molte condizioni croniche, il controllo completo potrebbe non essere sempre possibile e una qualità di vita accettabile è l’obiettivo principale del trattamento.