Aiutare le atlete ad affrontare i loro tre maggiori avversari

0
217
Aiutare le atlete ad affrontare i loro tre maggiori avversari ashx
Aiutare le atlete ad affrontare i loro tre maggiori avversari ashx

Il passaggio del titolo IX nel 1972 segnò l'ascesa dell'atleta femminile. Sfortunatamente, ha anche segnato l'aumento di un fenomeno meno celebrato, una condizione chiamata "triade atleta femminile".

"La triade dell'atleta femminile è una sindrome di tre componenti interrelate – nutrizione, salute delle ossa e funzione mestruale – che spesso portano a lesioni sportive e problemi di salute generale", spiega Kate Temme, MD, CAQSM, Direttore, Center for the Female Athlete. "Quando un atleta non riceve una nutrizione sufficiente per supportare sia il suo sport che la sua funzione fisiologica, il suo corpo va in arresto di emergenza per risparmiare calorie."

Secondo il dottor Temme, questo arresto coinvolge molte funzioni, tra cui il metabolismo, la crescita ossea e la riproduzione.

Sintomi della triade dell'atleta femminile

"I sintomi comuni della triade includono un periodo mancante o poco frequente o una storia di fratture da stress osseo", spiega Ob / Gyn Kirstin Leitner, MD, che vede i pazienti con il Dr. Temme presso il Center for the Female Athlete. "Spesso queste ragazze lo faranno hanno una sorta di disturbo alimentare, in cui non stanno mettendo abbastanza energia nel loro corpo per tenere conto delle calorie che stanno bruciando. "

Sebbene la triade dell'atleta femminile esista da decenni, è stato solo intorno al 2007 che la condizione è stata completamente compresa e definita. Da allora, medici come il Dr. Temme e il Dr. Leitner, hanno lavorato per aumentare la consapevolezza per la triade tra le atlete e i loro genitori, allenatori e operatori sanitari.

"Questa è una condizione che può essere difficile da trattare, e richiede un team multidisciplinare – come quello che offriamo al Center for the Female Athlete – per assistere con tutti gli aspetti della triade", afferma il dott. Leitner. "Questo team comprende medici e dietisti di medicina dello sport, fisiologi, endocrinologi, ginecologi e talvolta professionisti della salute comportamentale".

"Può includere anche preparatori atletici e allenatori, così come il supporto della famiglia e dei compagni di squadra per un recupero di successo", aggiunge il dottor Temme.

Affrontare la nutrizione degli atleti

Mentre i periodi mancanti e le fratture da stress sono spesso i primi segni della triade, è l'alimentazione dell'atleta che il Centro è più interessato inizialmente.

"Quando una donna viene indirizzata a noi con una triade di sintomi, la chiederemo di parlare con i nostri consulenti e nutrizionisti per determinare se è presente un disturbo alimentare noto o un deficit nutrizionale", spiega il dott. Temme. “Il componente principale della triade dell'atleta femminile è l'alimentazione, nota anche come disponibilità di energia. Quando questo è presente, anche la salute delle ossa dell'atleta e la funzione mestruale sono influenzate. Trattando i deficit nutrizionali, stiamo anche aiutando a trattare queste altre condizioni. La sfida è identificare precocemente questi atleti, poiché il recupero completo della densità ossea potrebbe non essere possibile, specialmente nei casi più gravi o prolungati ".

Periodi mancanti e squilibrio ormonale

Negli atleti con un periodo mancante o poco frequente, la dott.ssa Leitner spiega che cerca qualsiasi altra causa sottostante che deve essere trattata.

"Un periodo mancante in un atleta non è mai 'normale' e non dovrebbe essere licenziato", dice. "Potrebbe essere un segno di un altro problema, come la triade, o anche la sindrome dell'ovaio policistico, che non è raro in questa fascia di età. Uso le analisi del sangue e gli ultrasuoni per fare questa determinazione. Quindi, se la colpa è di uno squilibrio ormonale, il nostro team lavorerà con la donna per aiutare a ottenere un ritorno – o l'inizio – di un ciclo normale ".

Secondo il dottor Leitner, l'assenza di un ciclo non influisce necessariamente sugli organi riproduttivi della donna, ma è un indicatore di un problema ormonale potenzialmente maggiore che può portare all'osteoporosi o a problemi cardiovascolari più avanti nella vita se lasciato incontrollato.

"Non avere un ciclo in cui non si è sotto controllo delle nascite non è una cosa salutare", aggiunge il dott. Leitner.

"Molte di queste donne assumono pillole contraccettive, il che non è ciò che è meglio per la loro salute delle ossa", continua. “Spesso dobbiamo convincerli a interrompere il controllo delle nascite fino a quando i loro livelli ormonali e gli squilibri energetici non saranno corretti e poi parliamo di altre opzioni contraccettive come il dispositivo intrauterino in rame. Questo è efficace ma non contiene ormoni e consente le mestruazioni ".

La salute delle ossa è la chiave del successo

Quando un'atleta subisce una frattura da stress osseo, la dottoressa Temme è fermamente convinta che i suoi operatori sanitari cerchino altri segni della triade.

"Mentre le fratture da stress possono essere semplicemente correlate a errori di allenamento o sovrallenamento, possono anche essere il primo segnale di avvertimento della triade", dice. "È importante che i fornitori determinino se ci sono anomalie nutrizionali o mestruali che possono contribuire alla sua lesione o se ci sono segnali di allarme per la bassa densità ossea. Questi devono essere affrontati per garantire il recupero e prevenire futuri infortuni ".

Secondo il dottor Temme, gli anni dell'adolescenza, in particolare gli anni che circondano il primo periodo mestruale di una ragazza, sono un momento critico per la crescita ossea.

"Spesso pensiamo che l'osteoporosi colpisca solo le donne anziane", dice. “La verità è che si può vedere nelle donne in postmenopausa – che hanno perso l'effetto protettivo degli estrogeni sulle ossa – o che non sono riuscite a raggiungere il picco di densità ossea nella loro giovinezza. Nei casi più gravi, l'osteoporosi può essere osservata negli adolescenti e nei giovani adulti e può essere correlata alla triade ".

Sostenere le atlete

A parte questo, il dottor Temme e il dottor Leitner concordano sul fatto che lo sport è ottimo per le donne.

"Le ragazze che praticano sport hanno una maggiore autostima, tassi di conseguimento del diploma e una migliore salute mentale e fisica", afferma il dottor Temme. “Tuttavia, per ottenere questi risultati positivi, alle ragazze deve essere fornito un ambiente sano in cui allenarsi e competere. Ciò significa garantire una dieta equilibrata con sufficiente varietà e apporto calorico al momento giusto ".

Suggerisce che gli atleti lavorino con un dietologo sportivo per garantire che i loro bisogni nutrizionali individuali siano soddisfatti. Il dottor Temme raccomanda anche un allenamento incrociato per prevenire lesioni da uso eccessivo e sconsiglia la specializzazione sportiva in giovane età poiché ciò può aumentare il rischio di lesioni da uso eccessivo e burnout.

"In conclusione, i genitori, gli allenatori, gli operatori sanitari e gli atleti stessi devono solo essere consapevoli della triade", aggiunge il dott. Leitner, "ed essere alla ricerca di eventuali segni di un problema".

Richiedi un appuntamento Scopri di più sul Centro per l'Atleta Femminile