Cinque miti e fatti sul parto e sul prolasso uterino

0
41
Cinque miti e fatti sul parto e sul prolasso uterino ashx
Cinque miti e fatti sul parto e sul prolasso uterino ashx

Il parto ci premia con l'incredibile dono dei bambini, ma i cambiamenti nel tuo corpo possono persistere a lungo dopo che il tuo piccolo è cresciuto. Una delle vittime più importanti è il danno ai muscoli del pavimento pelvico.

Questo gruppo di muscoli, legamenti e tessuti svolge il duro lavoro di sostenere l'utero, la vescica e il retto. Ma tieni presente che questi sono muscoli. Con abbastanza usura, possono indebolirsi.

Quando questi muscoli si indeboliscono, le cose iniziano a cadere, come il tuo utero che si gonfia nella vagina, che si chiama prolasso.

Pamela Levin, MD, uroginecologa e assistente professore di ostetricia e ginecologia, sfata cinque miti su quale ruolo gioca davvero il parto nel modo in cui i muscoli del pavimento pelvico si comportano.

Mito 1: il lavoro lungo o difficile è solitamente il colpevole

Sebbene il travaglio difficile che comporta nascite da rottura, spinte prolungate e parti che richiedono pinze o pompe a vuoto si dimostrino stressanti per le strutture del pavimento pelvico, il prolasso può iniziare molto prima del parto con la gravidanza stessa.

"Portare semplicemente una gravidanza mette a dura prova le strutture di supporto della vagina e del pavimento pelvico che pone le basi per il prolasso in futuro", afferma il dott. Levin. "E questo è il prolasso di qualsiasi parete della vagina."

I muscoli del pavimento pelvico hanno una forma a scodella che culla la vescica, l'utero e il retto. Se si verifica il prolasso:

  • Nella parete anteriore, la vescica può abbassarsi
  • Nel muro che sostiene la parte superiore della vagina, poi l'utero si incurva
  • Nella parete posteriore della vagina, il retto può abbassarsi

"E il risultato finale è che crea un rigonfiamento nella vagina", aggiunge il dottor Levin.

Mito 2: le sezioni C prevengono i disturbi del pavimento pelvico

Avere una sezione C non ti protegge dal prolasso o dall'incontinenza urinaria. Sei in balia anche di molti altri fattori.

"È il trasporto del bambino, la tua genetica e la sfortuna in gioco", afferma il dott. Levin. Questo perché i geni possono determinare la forza muscolare e dei tessuti. Le donne nate con tessuti più deboli sono a maggior rischio di prolasso, riferisce l'American Urogynecologic Society.

Il dottor Levin avverte le donne di non "dare giudizi rapidi su quanto siano funzionali i muscoli del pavimento pelvico fino a quando non avrai avuto tutto il tempo per recuperare dopo la gravidanza".

Mito 3: peggiorerà ad ogni nascita

Non è così, dice il dottor Levin.

"Non abbiamo una correlazione diretta che dice che se hai un certo numero di bambini, avrai una certa estensione del prolasso", dice.

Gli studi hanno dimostrato che le donne che non hanno mai avuto bambini hanno il prolasso insieme a donne che hanno avuto più bambini con un prolasso minimo o nullo.

"Certamente, avere tutti i bambini che ha senso per te, la tua famiglia e la tua vita, ma non tanto in base al tuo pavimento pelvico", dice. "Potresti finire con o senza di essa, indipendentemente da quello che fai."

Mito 4: la chirurgia di riparazione del prolasso va bene tra le nascite

No. Questo è in gran parte non negoziabile.

"Con pochissime eccezioni, non ripariamo il prolasso fino a quando le donne non hanno finito al 100% di avere figli", afferma il dottor Levin. "Se ripariamo il tuo prolasso e poi porti un'altra gravidanza, potremmo essere proprio di nuovo dove abbiamo iniziato."

Per non parlare di ciò che potrebbe accadere in seguito: "Ogni volta che torniamo indietro e facciamo più interventi chirurgici, sei a maggior rischio di lesioni e complicazioni", dice.

Mito 5: ciò che accade ai muscoli del pavimento pelvico durante la gravidanza rimane dopo il parto

Per fortuna, la gravidanza è finita. Ciò suona vero anche per le condizioni che possono verificarsi durante la gravidanza.

"Il modo in cui sei in gravidanza non è necessariamente indicativo di come sarai dopo la gravidanza", afferma il dottor Levin.

Ad esempio, "Se soffri di incontinenza durante la gravidanza, non garantisce necessariamente che l'avrai dopo il parto", spiega.

Solo perché i muscoli del pavimento pelvico sono imprevedibili non significa che devi soffrire.

"Il prolasso può essere un dato di fatto, sfortunatamente", aggiunge il dott. Levin. "Ma ci sono molte cose che possiamo fare per gestirlo, quindi non deve essere un fatto permanente della vita."