da prescrivere con moderazione! Health Blog La rivista di salute e benessere per tutti

0
27
da prescrivere con moderazione Health Blog La rivista di salute
da prescrivere con moderazione Health Blog La rivista di salute

Curare i malati con antibiotici quando non ne hanno bisogno favorisce lo sviluppo della resistenza batterica. Da qui l'importanza di un uso ragionato e controllato di questi farmaci.

La scoperta degli antibiotici, e in particolare del penicillina, ha rivoluzionato la storia della medicina consentendo il trattamento di molti malattie batteriche fatali, come la tubercolosi.

“Abbiamo immaginato la fine di queste malattie. Tuttavia, ciò senza tener conto della capacità di adattamento di tutti gli esseri viventi, batteri inclusi! "

commenta Jean-Michel Azanowsky, ispettore medico della sanità pubblica, responsabile del programma di resistenza agli antibiotici presso la Direzione generale della sanità. Questi organismi hanno così sviluppato meccanismi di resistenza contro gli antibiotici che dovrebbero impedire il loro sviluppo o distruggerli. "Questo fenomeno è peggiorato: oggi i batteri che resistono a queste sostanze sono sempre più numerosi", conferma Christian Rabaud, specialista in malattie infettive del CHU de Nancy.

Evita prescrizioni inutili

Tuttavia, esistono soluzioni semplici per combattere questo problema salute pubblica, cominciando dall'evitare prescrizioni inappropriate e non necessarie.

Grazie in particolare alle campagne di informazione istituzionali, comprese quelle destinate al grande pubblico e che si susseguono da dieci anni, la consumo è diminuito del 16% secondo un rapporto Afssaps.

Tutti ricordano lo slogan "Gli antibiotici non sono automatici" spiegando che sono inutili in caso di infezione virale. Come indica Antoine Andremont, capo del laboratorio di batteriologia dell'ospedale Bichat e co-responsabile del Centro Nazionale di Riferimento (CNR) sui batteri multiresistenti:

"Questa campagna ha avuto l'effetto desiderato poiché le loro prescrizioni sono diminuite di poco più di un quarto in 5 anni durante i periodi invernali",

La diminuzione è particolarmente evidente nei bambini. Tuttavia, come riferisce Christian Rabaud, "nonostante questo sviluppo favorevole, la tendenza è in ripresa da circa quattro anni". Gli slogan si sono "consumati", i riflessi sull'uso parsimonioso degli antibiotici hanno perso la loro vivacità. "Ciò richiede una sempre maggiore consapevolezza sulla questione, sia il pubblico che i medici prescrittori", ha detto Jean-Michel Azanowsky.

Ricordando in particolare che un gran numero di malattie comuni comprese quelle che colpiscono le vie respiratorie non richiedono antibiotici. Come la tonsillite, di cui "l'80% è di virale, e non batterico ! », Ricorda Jean-Michel Azanowsky. Da qui l'idea di incoraggiare i medici a utilizzare test diagnostici rapidi in grado di dire se l'angina è batterica o virale.

Ma "solo il 16% dei medici afferma di utilizzare regolarmente questi test …" sospira Christian Rabaud. "È trattando i pazienti che non ne hanno bisogno con questi farmaci che sviluppiamo resistenza", insiste Jean-Michel Azanowsky.