Domande e risposte con il dottor Joshua Fosnot

0
73

Spalle doloranti, segni rossi dovuti alle spalline del reggiseno tese e top che si adattano male: avere un seno grande non è tutto ciò che deve essere.

Le donne con seno grande spesso si lamentano di questi problemi e di altri dolori al collo e alla schiena. In molti casi, la chirurgia di riduzione del seno può essere l'unica opzione per correggere una linea del busto sproporzionata e alleviare questi disagi. Se sei un sano, non fumatore con un seno grande e un sacco di disagio, questo intervento potrebbe fare al caso tuo.

Cos'è una riduzione del seno?

La chirurgia di riduzione del seno è una procedura medica seria che comporta i rischi tipici associati alla chirurgia, nonché alcune considerazioni speciali. La procedura include un chirurgo che rimuove il tessuto mammario in eccesso (e preserva l'afflusso di sangue necessario) prima di sollevare il seno rimanente in una posizione naturale.

"La chirurgia di riduzione del seno è una procedura che esiste da molto tempo perché offre molti vantaggi ai pazienti", spiega Joshua Fosnot, MD, chirurgo plastico presso. "I candidati tipici hanno sintomi associati al loro seno molto grande, incluso dolore al collo o alla schiena, o eruzioni cutanee sotto le pieghe del seno".

Ci sono limitazioni alla misura in cui la chirurgia può ridurre le dimensioni del seno e mantenere un aspetto naturale. "L'obiettivo principale della riduzione del seno non è solo cambiare esteticamente l'aspetto del paziente, ma consentire loro di condurre uno stile di vita più sano", spiega il dott. Fosnot. "Quindi, quando le persone mi chiedono quale sia la taglia appropriata, dico loro che penso che la risposta sia ciò che è entro i limiti di ciò che possiamo fare chirurgicamente, e anche quella che mira a un equilibrio generale con il resto del loro corpo."

Procedura e recupero

La chirurgia di riduzione del seno dura circa due o tre ore e di solito viene eseguita in regime ambulatoriale. I pazienti in genere tornano a casa lo stesso giorno. Tuttavia, un pernottamento potrebbe essere possibile e dipenderà dal chirurgo.

Dopo l'intervento chirurgico, i pazienti con una cicatrice permanente "lecca-lecca" intorno al capezzolo con una linea retta verso il basso verso la piega sotto il seno (o una cicatrice "ancora a barca", che include anche una cicatrice lungo la piega inferiore del seno). Inizialmente, le cicatrici saranno rosse ma svaniranno gradualmente nel tempo. Il dolore o il disagio possono persistere fino a due settimane, ma verranno prescritti farmaci per gestire il gonfiore e il dolore. I pazienti devono evitare qualsiasi forma di sollevamento di carichi pesanti o sforzi e prendersi una pausa dal lavoro e da altre responsabilità sufficienti per consentire un pieno recupero.

"La maggior parte dei pazienti si sente abbastanza bene dopo una o due settimane, e se hanno un lavoro abbastanza sedentario, dico loro che probabilmente possono aspettarsi di tornare a lavorare due settimane dopo l'operazione", spiega il dott. Fosnot. "Ma se hanno un lavoro fisicamente impegnativo, potrebbe essere più vicino a un mese prima che possano riprendere la loro piena attività."

Effetti collaterali della chirurgia di riduzione del seno

Per le donne che prendono in considerazione la riduzione del seno, è importante essere consapevoli dei potenziali effetti collaterali associati all'intervento. A parte i consueti rischi chirurgici di infezione o di anestesia generale, alcune donne possono manifestare tessuto cicatriziale o intorpidimento del capezzolo. In effetti molti pazienti sono preoccupati per la sensazione del capezzolo. Secondo il dottor Fosnot, "È normale che i pazienti abbiano ipersensibilità a breve termine, che migliora con il tempo. È molto raro, ma possibile, perdere completamente la sensazione areolare del capezzolo a lungo termine. "

Per quelli in età fertile, un'altra considerazione comune è l'allattamento al seno dopo l'intervento chirurgico. La scelta se allattare o meno al seno è personale ed è importante comprendere le opzioni prima di sottoporsi a un intervento di riduzione.

"I dati suggeriscono che non tutte le donne possono allattare al seno dopo un intervento chirurgico di riduzione, anche se non tutte le donne vogliono allattare". Il dottor Fosnot continua: "Ma è possibile che dopo una riduzione del seno, potrebbe limitare la capacità del paziente di allattare".

L'allattamento al seno può essere influenzato negativamente se l'intervento chirurgico richiede la rimozione di una grande quantità di tessuto mammario o se i condotti del latte sono interessati. Ci sono molte risorse disponibili per le mamme che si sottopongono a un intervento di riduzione del seno e desiderano allattare. I consulenti per l'allattamento possono fornire ulteriori informazioni.

Migliore qualità della vita

Nel complesso, le donne che si sottopongono a un intervento chirurgico di riduzione del seno sono generalmente molto soddisfatte della loro decisione. La riduzione non solo migliora l'aspetto del seno ma aiuta anche a migliorare la qualità della vita diminuendo o eliminando dolori alle spalle, alla schiena e al collo.

Per le donne che prendono in considerazione la procedura, è importante sapere che ci saranno cicatrici e che c'è un processo di recupero con cambiamenti a lungo termine. Nella maggior parte dei casi, i vantaggi superano i rischi … qualcosa da considerare quando acquisti i top più alla moda della prossima stagione e vuoi sentirti la versione migliore di te stesso.

Oltre alla chirurgia di riduzione del seno, il dottor Fosnot esegue anche microchirurgia ricostruttiva per pazienti affetti da cancro e una serie di procedure cosmetiche presso gli uffici di Chirurgia plastica di Filadelfia e Bryn Mawr.

Ulteriori informazioni sulle riduzioni del seno su Richiedi un appuntamento