Domande frequenti

0
82
Quello che sappiamo ashx
Quello che sappiamo ashx

Il morbillo, noto anche come rubeola, è una malattia virale altamente contagiosa. I tassi di vaccinazione sono diminuiti negli ultimi dieci anni, quindi l'incidenza del morbillo è aumentata, con recenti epidemie nel Pacifico nord-occidentale e New York City.

Le infezioni da morbillo durante la gravidanza non causano difetti alla nascita, ma le donne incinte e i neonati sono più suscettibili alle complicazioni mediche del morbillo rispetto alla popolazione generale. Queste complicazioni includono polmonite e ospedalizzazione. Le infezioni da morbillo durante la gravidanza possono anche causare aborto spontaneo, natimortalità, basso peso alla nascita e un aumento del rischio di parto pretermine.

Quindi come puoi proteggere te stesso e il tuo bambino non ancora nato dal virus del morbillo? Rispondiamo ad alcune domande frequenti sul morbillo durante la gravidanza.

Come viene trasmesso il morbillo e quali sono i segni e i sintomi più comuni dell'infezione da morbillo?

Il virus è altamente contagioso e vive nel muco del naso e della gola di una persona infetta. Si diffonde spesso da persona a persona attraverso la tosse e gli starnuti e può rimanere in volo e contagiosa per un massimo di due ore. Ciò significa che se entri in una stanza in cui una persona infetta dal morbillo ha tossito o starnutito fino a due ore prima del tuo arrivo, potresti comunque contrarre la malattia semplicemente respirando l'aria nella stanza. Quando una persona ha il morbillo, è contagiosa da quattro giorni prima fino a quattro giorni dopo la comparsa di un'eruzione cutanea.

I sintomi più comuni del morbillo sono febbre, affaticamento, tosse, naso che cola, prurito o occhi rossi, macchie di Koplik (lesioni bianche sulla guancia interna) e un'eruzione cutanea in rilievo. Possono essere necessari dai sette ai 21 giorni dal momento in cui sei esposto al virus del morbillo prima che compaiano i sintomi della malattia.

Come faccio a sapere se sono immune all'infezione da morbillo?

Se hai ricevuto almeno una dose del vaccino contro il morbillo contro il morbillo (MMR), molto probabilmente sei immune al morbillo.

Se il test della rosolia, che viene eseguito regolarmente in gravidanza, è positivo, è molto probabile che tu sia immune al morbillo.

Se non sei sicuro e stai viaggiando in un'area con un focolaio attivo, il tuo fornitore può ordinare un esame del sangue per vedere se sei immune al morbillo.

Come devo valutare l'immunità al morbillo prima della gravidanza?

Se stai pianificando una gravidanza e non hai la documentazione che attesti di aver ricevuto il vaccino MMR, chiedi al tuo medico di ordinare un esame del sangue per determinare se sei immune alla rosolia e al morbillo.

Se l'esame del sangue rileva che non sei immune, dovresti ricevere il vaccino MMR. Dopo aver ricevuto il vaccino MMR, le donne devono attendere almeno 4 settimane prima di iniziare una gravidanza.

Cosa devo fare se sono incinta e sospetto di essere stata esposta al morbillo?

Se sospetti di essere stato esposto al morbillo, dovresti chiamare immediatamente il medico.

Se non hai sintomi e non sei sicuro di essere immune al virus, dovresti sottoporti a un esame del sangue per verificare l'immunità al morbillo. Se sei immune, non sono necessarie ulteriori cure.

Se non sei immune, sei suscettibile al virus del morbillo e dovresti ricevere immunoglobuline per via endovenosa (IVIg) entro 6 giorni dall'esposizione. I farmaci IVIg vengono utilizzati per rafforzare il sistema immunitario per ridurre il rischio di infezione.

Se non sei immune al morbillo, dovresti ricevere il vaccino MMR immediatamente dopo il parto. Il vaccino MMR è sicuro nelle madri che allattano.

Cosa devo fare se sono incinta e ho i sintomi del morbillo?

Se sei incinta e sospetti di avere il morbillo, chiama immediatamente il tuo medico. Il medico probabilmente ordinerà un test che utilizza un tampone sterile per raccogliere le secrezioni all'interno del naso per verificare la presenza del virus del morbillo. Potrebbe anche suggerirti di sottoporsi a un esame del sangue per determinare se sei immune al morbillo.

Se hai il morbillo, dovresti rimanere a casa per almeno quattro giorni dopo aver sviluppato l'eruzione cutanea per evitare di diffondere il virus ad altri. Dovresti anche lavarti spesso le mani con acqua e sapone, disinfettare le superfici toccate di frequente, coprirti il ​​naso e la bocca con un fazzoletto quando tossisci o starnutisci ed evita di condividere bevande e utensili.

Come viene trattato il morbillo nelle donne in gravidanza?

Il trattamento del morbillo nelle donne in gravidanza comporta una terapia di supporto; non sono disponibili farmaci antivirali per il trattamento dell'infezione da morbillo.

A causa dell'aumentato rischio di complicanze, le donne in gravidanza con morbillo richiedono un attento monitoraggio e valutazione della loro funzione polmonare.

Se hai un'infezione da morbillo sospetta o confermata, dovresti evitare di viaggiare e limitare il contatto ravvicinato con gli altri per 4 giorni dopo la comparsa di un'eruzione cutanea.