Benessere

Il senso comune della medicina popolare

Il senso comune della medicina popolare

La medicina di erbe è la più antica modalità di guarigione del pianeta. Gli esseri umani hanno sempre usato piante selvatiche (e poi coltivate) per cibo e medicine. Prima che le università mediche venissero istituite, attraverso le quali le persone erano considerate autorizzate, i medici professionisti, la guarigione era facilitata da persone definite “donne saggi” (o uomini).

Erboristi del villaggio, ostetriche e anziani saggi erano (e sono tuttora) portatori della conoscenza dei modi di guarigione con le piante, attraverso una tradizione prevalentemente orale. Per millenni questa conoscenza è stata tramandata attraverso generazioni di gente comune, contadina, spesso non a cui non era permesso o non era permesso leggere e scrivere. Questa è la medicina popolare. Le persone sono persone. Quindi, possiamo dire che la medicina vegetale è anche la medicina delle persone.

Il più comune tra le piante selvatiche e erbacee è il cardine nella cassa di medicina della donna saggia (o dell’uomo), così come in cucina, perché sono prontamente disponibili e crescono in grande abbondanza. Essendo tenaci e rifiutando di essere tenuti giù, queste piante possono essere controllate o regolate da nessuno; sono selvaggi e liberi. Queste piante ci dicono, attraverso le loro abitudini di crescita, che possiamo farne uso spesso e in abbondanza.

Possiamo generalizzare dicendo che molte volte le piante più alte negli alcaloidi, gli oli volatili e altri tali costituenti che hanno maggiori probabilità di produrre effetti collaterali, crescono ulteriormente dalle aree popolate in piccoli stand. In questo modo, comunicano che sono i migliori impiegati durante i periodi di malattia acuta e quindi sono amministrati solo per un breve periodo di tempo, con più cautela.

La delicata categoria di piante “alimentari”, come il Cerastio, la Piantaggine, il Tarassaco e altre che spuntano vicino alle nostre porte, sono le nostre “erbe aromatiche”, quelle che gettiamo direttamente nella pentola e mangiamo per la cena.

Un “semplice” è un infuso o un estratto che contiene generalmente solo una o due erbe comuni e anche ingredienti di base come acqua, aceto, alcool o miele per produrre, tè o tinture o sciroppi. I guaritori che impiegano questi metodi sono tradizionalmente noti come Semplici. Prendendo queste piante come tonici e includendole nella dieta, una persona rimane facilmente bene, mantiene la forza, l’immunità e il vigore.

Questo è un approccio veramente preventivo alla guarigione, il nutrimento dalle piante che lavorano in modo per lo più invisibile, dietro le quinte in modo invisibile. C’è una madre saggia tra di noi che non può relazionarsi a questo !? In effetti, è ciò che amministra ogni caregiver coscienzioso: il nutrimento di base. Il nutrimento è fondamentale per la salute ed è il principio guida dietro questi modi saggi. Possiamo scavare nella memoria di migliaia e migliaia di anni di storia umana e trovare questa saggezza che risiede ancora dentro di noi.

Ti interessa riaccendere questa conoscenza? È meglio iniziare creando una connessione con una pianta, preferibilmente una che vive dove si vive. Avere una relazione profonda e significativa con una pianta può portare a un’apertura profonda che non avresti mai potuto immaginare. Potresti anche iniziare a capire quanto sia enciclopedica una singola pianta! Realmente comunicando direttamente con il tuo “alleato verde” puoi raccogliere più informazioni di quelle che ogni guida di erbe può offrire. Potresti persino imparare a “leggere” altre piante.

Ci sono molti modi per aprire una relazione con la tua pianta preferita. Per iniziare, siediti con una pianta nel suo ambiente e respira con essa. Oppure, metti un rametto sotto il cuscino e chiedi una visione. Ricerca la tua pianta online e attraverso i libri. Dopo averlo determinato non tossico, diventa creativo. Un semplice tè può essere fatto in diversi modi. Cerca le differenze sottili a seconda dei metodi di preparazione. Ad esempio, confrontare un tè a base di erbe fresche o essiccate, un’infusione prodotta al sole o un’infusione immersa nella luce della luna. Prova a usare acqua fredda o calda. Campione in diversi periodi dell’anno o fasi lunari. Colleziona diverse parti della pianta.

Tieni presente che di solito qualunque parte di cui la pianta si sta concentrando è una buona idea con cui lavorare. Per esempio, in primavera, quando spuntano nuovi germogli verdi, è lì che si concentra l’energia. Le probabilità sono che ora sarebbe un buon momento per guardare le foglie per la medicina più concentrata. Quando la tua pianta è in fiore, prova i fiori. In autunno, l’energia scende nelle radici mentre la pianta si prepara alla dormienza invernale.

C’è sempre stata una comunicazione tra le piante e quelle persone aperte a conoscerle. La nostra storia e saggezza umana collettiva vive dentro ognuno di noi. Possiamo sempre risvegliarlo collegandoci alla natura e impostando una chiara intenzione di ascoltare.

Quando si considerano i consigli (dalle piante, proprio come dagli umani), siamo saggi nel consultare la nostra guida interiore e guardare una varietà di fonti informative. I pensieri qui condivisi hanno lo scopo di spingerti verso la tua intuizione e incoraggiare una connessione più profonda con la Terra. Si presume che applicherete il buon senso con l’auto-responsabilità. Goditi la taglia!