La storia di Kimm

0
124
La storia di Kimm ashx
La storia di Kimm ashx

Per la seconda volta la mamma Kimm Dinsmore, non c'era una domanda su dove voleva dare il benvenuto al suo nuovo bambino nel maggio 2020.

Mio figlio, Otis, ha tre anni e abbiamo avuto un'esperienza assolutamente fantastica ", ha affermato Kimm, che è anche Director for Health System Outreach. "Volevo fare di nuovo un parto al Sylvania Hospital."

Nonostante abbia frequentato lo stesso studio di ostetricia, i mesi precedenti il ​​suo parto sono stati molto diversi. Nel marzo 2020, quando Kimm era incinta di sette mesi, i primi casi di COVID19 sono stati confermati a Philadelphia.

"Era ovviamente un periodo inquietante", ha detto. “Le informazioni sul virus sono cambiate ogni giorno e hanno evoluto i suoi protocolli su come trattare al meglio i pazienti durante la pandemia, specialmente nella Medicina Materno Fetale e Ostetricia / Ginecologia, che sono aree della medicina molto sensibili, personali e nutritive.

“Il mio team di assistenza è stato incredibile. Ognuno ha fatto del suo meglio con le circostanze. "

Cura personale sicura ed essenziale

Foto di Devon Anne Photography

Poiché la sua gravidanza era considerata ad alto rischio, Kimm ha avuto visite settimanali con il team di Maternal Fetal Medicine (MFM) presso Health for Women Washington Square per monitorare il battito cardiaco e i test di attività della piccola Elin che non potevano essere eseguiti virtualmente. I fornitori di MFM hanno quindi comunicato con il suo ostetrico, rendendo possibile alcuni appuntamenti dell'ultimo terzo trimestre tramite telemedicina.

"Il team di assistenza era trasparente e proattivo", ha detto Kimm, sottolineando di aver ricevuto una telefonata o un messaggio di myMedicine prima di ogni appuntamento con aggiornamenti sulla sicurezza, inclusa la politica di mascheramento universale, lo screening termico e le pratiche di sanificazione. "È stato rassicurante ricevere quelle telefonate in anticipo, da una persona dal vivo, che mi facesse sapere, 'Ecco l'ultimo aggiornamento sui nostri protocolli e cosa puoi aspettarti durante la tua visita.'"

Le misure di sicurezza di includono una rigorosa politica di visita che significava che Kimm doveva partecipare ai suoi appuntamenti settimanali in ufficio senza la sua altra metà, Mark.

Sebbene la mancanza di supporto personale da parte del partner sia stata inizialmente deludente, Kimm è stata in grado di chattare in video con Mark durante alcune parti delle sue visite. E il suo team di assistenza, guidato da Sara FolitWeinberg, MD, l'ha sempre fatta sentire a suo agio.

“Si sono fatti avanti per aiutare a riempirlo [inperson partner support] spazio ", ha detto Kimm. "Hanno fatto un ottimo lavoro nel fornire quella connessione personale, spiegando le cose in tempo reale e assicurandosi che tutte le mie domande ricevessero risposta e che mi sentissi bene".

Avere un bambino durante COVID19

Molte parti della gravidanza e del parto sono imprevedibili, anche in circostanze più normali.

Fortunatamente per Kimm, parte della sua ansia riguardo al parto durante una pandemia si è placata quando ha accolto Elin come previsto durante un taglio cesareo programmato il 15 maggio 2020.

Quando lei e Mark arrivarono al Sylvania Hospital quel giorno, furono entrambi sottoposti a screening termico. Kimm ha anche ricevuto un test rapido per COVID19, nonché analisi del sangue tipicamente eseguite durante appuntamenti separati nei giorni prima di una sezione C all'arrivo.

"I pazienti che sono risultati positivi per COVID19 avevano squadre di cura separate, sale operatorie e sono rimasti in aree separate dell'ospedale da quelli che sono risultati negativi", ha detto Kimm. "Tutto è stato determinato dai risultati del test rapido."

Dopo aver ricevuto un risultato negativo, Kimm si è preparata per la sua sezione C e più tardi quel giorno è stata in grado di tenere Elin per la prima volta.

Supporto, recupero e ritorno a casa

Molte componenti del recupero dopo il parto sono simili a come sono state per anni al sylvania Hospital. Un'équipe infermieristica si occupa dei neo genitori nelle ore e nei giorni successivi alla nascita, i consulenti per l'allattamento sono disponibili per aiutare con il sostegno all'allattamento al seno e le risorse sono disponibili per il nuovo bambino.

Tuttavia, ci sono alcune differenze.

Camminare è importante e incoraggiato dopo una sezione C, e Kimm ha dovuto fare dei giri per la sua stanza invece che per i corridoi dell'ospedale. Per aiutare a limitare l'esposizione al di fuori del COVID19 ad altri pazienti e personale, Mark non è stato in grado di lasciare l'ospedale e tornare durante il soggiorno. Inoltre, non era permesso loro di avere altri visitatori in ospedale per incontrare Elin.

"Inizialmente, siamo rimasti delusi, ma abbiamo finito per apprezzare il tempo che abbiamo trascorso da soli nella nostra stanza d'ospedale, conoscendo nostra figlia senza distrazioni esterne", ha detto Kimm.

Nonostante le differenze tra la sua esperienza con Elin e quella con Otis tre anni prima, Kimm riceveva ancora lo stesso livello elevato di cure. Dai medici e dagli infermieri che si sono presi cura di lei e del bambino, agli operatori dei servizi ambientali che hanno tenuto la sua stanza pulita e sicura, al trasportatore che l'ha portata alla sua auto dopo la dimissione, tutti hanno avuto un impatto.

"Ogni persona che ho incontrato durante il mio soggiorno, tutte le piccole cose fino a quando sono stata dimessa hanno fatto la differenza", ha detto. “Sei il più vulnerabile che probabilmente sei mai stato, non puoi prenderti cura di te stesso e devi solo fare affidamento su altre persone. Quelle altre persone, dall'inizio alla fine, hanno avuto un impatto positivo e duraturo sulla nostra esperienza ".