L'allattamento al seno aiuta Ashley a entrare in contatto con il figlio dopo l'arrivo anticipato

0
179
Lallattamento al seno aiuta Ashley a entrare in contatto con ashx
Lallattamento al seno aiuta Ashley a entrare in contatto con ashx

La famiglia della dottoressa Ashley Haggerty è recentemente cresciuta fino a quattro.

Riley, il secondo figlio del dottor Haggerty, MD, MSCE, e suo marito, Pat, hanno fatto un ingresso nel mondo prima del previsto l'8 giugno all'ospedale dell'Università della sylvania. Il primo figlio della coppia, Bennett, compirà tre anni ad agosto.

Dopo ogni nascita, il dottor Haggerty ha avuto esperienze di allattamento al seno molto diverse.

"Ho allattato al seno con Bennett e ho pompato molto quando sono tornato a lavorare", ha detto il dottor Haggerty. "Poi con Riley – è nato a 31 settimane – non ero sicuro di come sarebbe andata, ma ho iniziato a pompare subito e ho avuto subito un'ottima scorta.

“È stato bello sapere che stava prendendo il mio latte materno mentre era in [neonatal intensive care unit]. "

Aiutare Riley a crescere

Ogni madre produce latte materno che cambia per soddisfare le esigenze del suo bambino nelle diverse fasi della vita. Gli studi hanno dimostrato che il latte materno prodotto da mamme prematuri contiene calorie, grassi, proteine ​​e vitamine extra per aiutare i bambini piccoli a crescere rapidamente. Contiene anche cellule vive e anticorpi per proteggere dalle infezioni ed è molto più facile da digerire rispetto alla formula.

A parte i benefici nutrizionali, neurologici e immunologici per Riley, il dottor Haggerty ha scoperto che l'allattamento al seno le dava anche un senso di realizzazione in un momento in cui non era completamente responsabile.

"So che è fantastico per i miei figli ricevere il mio latte materno, e questo è particolarmente vero per Riley", ha detto. "Essere in terapia intensiva neonatale è stata un'esperienza difficile, ma essere in grado di dargli il mio latte materno è stato enorme per me per fare qualcosa di buono per lui in una situazione che sembrava fuori dal mio controllo. Non era a casa con me, ma mi ha fatto sentire molto meglio in termini di ciò che potevo fare per lui come sua madre. "

Riley ha ricevuto per la prima volta il latte materno del dottor Haggerty tramite tubo di alimentazione, ma in seguito è stato in grado di ottenerlo con un biberon.

"Ha avuto un tubo di alimentazione per un po '", ha detto. "Ha deciso di tirare fuori il suo tubo di alimentazione, e dopo lo hanno lasciato volare."

Lavorare con un consulente per l'allattamento

Poco dopo la nascita di Riley, la dott.ssa Haggerty ha lavorato con un consulente per l'allattamento certificato dal consiglio internazionale – solo uno dei tanti servizi di allattamento offerti dall'ospedale dell'Università della sylvania – per iniziare il suo viaggio di estrazione del latte materno.

"Mi è stata di grande aiuto", ha detto il dottor Haggerty. "Riley ha partorito e io ero fuori dalla sala operatoria alle 10:30 o alle 11 del mattino, e lei era nella mia stanza un paio d'ore dopo."

All'inizio, la dottoressa Haggerty si è concentrata sull'estrazione e con la crescita di Riley, la sua strategia di alimentazione è cambiata. In tutto questo, un consulente per l'allattamento era pronto.

"Ottenere aiuto per iniziare esclusivamente il pompaggio è stato davvero utile per capire quanto spesso pompare, come ottimizzarlo, perché non era qualcosa che ho fatto subito con Bennett", ha detto. “Le prime volte che abbiamo provato ad agganciare Riley, abbiamo fatto un piano per [a lactation consultant] di esserci per questo, quindi ho avuto la loro assistenza nei primi due tentativi.

"Riley era piuttosto piccolo quando è nato, quindi è stato utile conoscere la logistica di come posizionarlo al meglio."

C'è un'app per questo

Il dottor Haggarty ha anche utilizzato l'app Keriton, un sistema di gestione del latte materno progettato per le neomamme, che l'ospedale intensivo (ICN) dell'ospedale dell'Università della sylvania ha iniziato a testare lo scorso anno.

"Sono un grande fan dell'app che hai per le mamme in terapia intensiva neonatale", ha detto il dottor Haggerty. “È stato fantastico. Potevo vedere quanto stavo pompando e quanto latte aveva Riley. "

Oltre ad aiutare a tenere traccia dell'inventario del latte del dottor Haggerty, l'app le ha anche permesso di rimanere in contatto con il team di assistenza di Riley tramite messaggi di testo e foto.

Supporto duraturo

A metà luglio, Riley lasciò l'ospedale dell'Università della sylvania e tornò a casa per la prima volta con i suoi genitori e il fratello maggiore Bennett.

Ben presto, la dottoressa Haggerty tornerà a lavorare nel suo ruolo con il programma di oncologia ginecologica. Ma, quando tornerà al lavoro, sa che avrà il supporto di lei per aiutarla lungo la strada.

"Tornerò a lavorare per un lavoro che è abbastanza impegnativo per il mio tempo", ha detto. "Avere stanze della madre e stanze per l'allattamento diverse rende più facile per le mamme essere in grado di allattare quando tornano al lavoro."

Condividi la tua storia

Vogliamo sapere come sei stato supportato durante il tuo viaggio di allattamento o estrazione del latte materno. Condividi la tua storia usando #MedicineBreastfeeding e potresti essere presente in un post futuro sulla pagina Facebook per le donne.

Scarica la nostra guida alla maternità Richiedi un appuntamento