Le sorelle si riuniscono grazie al kit per il test del DNA domestico

0
176
Le sorelle si riuniscono grazie al kit per il test
Le sorelle si riuniscono grazie al kit per il test

Un'incredibile riunione ha avuto luogo nel dicembre 2019. Le sorelle Kim e Trine si sono incontrate a Copenaghen. Kim Ok Le, 43 anni, è stato abbandonato da bambino in una chiesa cattolica a Daegu, in Corea del Sud.

Dopo un breve periodo all'orfanotrofio del giglio bianco a Daegu, è stata adottata da una famiglia italiana nel settembre 1977.

Kim era sempre interessata alla sua famiglia biologica e circa 20 anni fa viaggiò in Corea per trovare informazioni su di lei. Ha visitato l'agenzia che aveva approvato per l'adozione ed è stata in grado di ripristinare i suoi file di adozione – una grande sorpresa in questo: un messaggio scritto da sua madre.

Sua madre ha scritto nella lettera che il padre della bambina era stato ucciso in un incidente d'auto e che era stata gravemente ferita e non poteva allevare il bambino da sola. La madre disse anche che aveva preso in considerazione il suicidio e chiese a chiunque avesse trovato sua figlia di crescere bene il bambino.

Kim naturalmente supponeva che la storia nella lettera fosse giusta: i suoi genitori erano probabilmente morti e la sua sfortunata madre l'aveva lasciata perché non era in grado di prendersi cura di lei a causa delle sue ferite.

Voleva ancora verificare se avesse parenti in vita e alla fine fece un test del DNA con un'agenzia privata. Tuttavia, i risultati non sono stati conclusivi. Un anno e mezzo fa, ha fatto un test del DNA ma non ha avuto effetti significativi.

E poi, all'improvviso, ha ricevuto un'e-mail che ha capovolto tutto ciò che pensava di sapere sulla sua storia. Aveva una partita di DNA e la relazione amata era: sorella.

Trine Jensen, è nata a Busan nel 1978 e ha lasciato sua madre all'età di 1 e tre mesi. Dopo un po 'a Busan, è stata adottata da una famiglia danese nel 1981.

Anche lei aveva cercato di trovare i suoi genitori biologici e aveva appreso dal servizio sociale coreano che sua madre biologica aveva voluto vederla negli anni '80.

Trine Jensen

Circa un anno fa, Trine ha portato a casa il kit per il test del DNA per saperne di più sulla sua origine etnica. Non si sarebbe mai aspettata di trovare uno dei suoi parenti – figuriamoci una sorella!

Kim e Trine sono sorelle, il che significa che ciò che la madre di Kim ha scritto nella sua lettera non potrebbe essere giusto. Il padre di Kim deve essere vivo quando Kim è rimasto. Il messaggio era falso? O la madre di Kim ha creato la storia per proteggere suo figlio da qualcos'altro?

Il problema dell'adozione è una ferita aperta nella società sudcoreana: la guerra di Corea e la guerra del Vietnam hanno portato due decenni di presenza militare americana nella regione. Molti bambini multirazziali sono nati dalle relazioni tra donne locali e soldati americani.

Questi bambini locali sono stati ignorati dalla società – le persone vedevano la loro esistenza come problematica. I capi di stato e di governo del paese hanno continuato a inviare questi bambini all'estero per l'adozione internazionale. Ma non solo i bambini multirazziali sono stati portati in adozione? Anche i bambini o le famiglie illegali che hanno dovuto affrontare difficoltà finanziarie li hanno messi in adozione per garantire un futuro migliore.

All'inizio degli anni '80, 25 bambini coreani venivano adottati ogni giorno da stranieri. Una stima di 200.000 bambini coreani è stata approvata per l'adozione in tutto il mondo dagli anni '50.

Al momento, l'origine della lettera che Kim ha trovato nei suoi file di adozione rimane un mistero. Nel frattempo, le sorelle compensano il tempo perduto. Si sono incontrati di persona a dicembre 2019. Kim ha visitato Trine a Copenaghen.

Le sorelle sperano ancora di trovare la loro madre natale in Corea – e si chiedono se ci sono altri fratelli che non hanno ancora visto.

"Emotivamente, è un mondo completamente nuovo", afferma Kim. "Era l'inizio di una nuova ricerca a cui avevo rinunciato."

"Ho scoperto le mie radici e ho trovato una sorella!" Dice Trine. "Questo risultato è stato il miglior regalo che avrei mai potuto immaginare."

La storia di Kim e Trine è il terzo caso di bambini coreani adottivi che il DNA è stato in grado di riunire negli ultimi due anni.

Un altro caso, di altre sorelle che hanno entrambi lasciato e alloggiato nello stesso orfanotrofio, è diventato il documentario The Missing Piece.