1. Simpson arrostire su un fuoco aperto

0
1283
Simpson arrostire su un fuoco aperto
Simpson arrostire su un fuoco aperto

(trasmesso originariamente il 17 dicembre 1989)
Quindi iniziamo con la Stagione 1, che è sostanzialmente come un lungo esperimento di 13 episodi per capire cosa sia esattamente questa nuova razza di spettacoli, dall'animazione approssimativa, dalle caratterizzazioni in via di sviluppo, dall'umorismo e dal tono. Questi episodi mi hanno rimandato in passato, ma mi sono affezionato a loro nel tempo. Mi piace molto lo stile di animazione più audace, soprattutto se paragonato alla rigidità dello spettacolo adesso. Ricordo di aver visto alcuni di questi in syndication ("The Telltale Head" è apparso molto per qualche motivo), ma ne ho visti molti sui vecchi nastri video dei Simpson. Molto prima del DVD, eravamo bloccati con questi dispositivi primitivi noti come videoregistratori. Ricordo che c'erano due episodi in un nastro (insieme a un cortometraggio dell'era Tracy Ullman), e penso che siano arrivati ​​all'inizio della stagione 3 prima che smettessero di realizzarli. Questo episodio era sul suo stesso nastro, soprannominato The Simpsons Christmas Special.

Quindi questo è il nostro primo sguardo allo spettacolo, mentre seguiamo il nostro eroe, Homer Simpson, nei suoi sforzi per creare un Natale idilliaco per la sua famiglia. È un Omero che è caduto per strada negli anni successivi, il padre ben intenzionato. Mentre può essere borbottio, con la testa spessa o semplicemente non troppo brillante, fa ancora quello che può per la sua famiglia. Tuttavia, scopre che la vita può essere una stronza, poiché molti ostacoli si frappongono sulla sua strada: gli viene negato il suo bonus annuale di Natale ed è scioccato di scoprire che i soldi che la famiglia aveva risparmiato sono stati fatti saltare per rimuovere un tatuaggio che Bart ha ricevuto impulsivamente . A peggiorare le cose, Homer si ritrova costantemente all'ombra dei suoi vicini di casa buoni, le Fiandre, il cui display da prato di Natale troppo stravagante è un netto contrasto con la sua unica lampadina funzionante in una stringa di mille. Nessuna di queste cose viene fatta su Omero con malizia; è la vita a dargli una brutta mano, ma Homer si spinge in avanti con tutto il talento che riesce a raccogliere.

Prende posizione come un centro commerciale di Babbo Natale, forse sperando che lavorare per la stagione salverà il suo, ma con spese estranee, gli viene pagato solo un misero tredici dollari. Per di più, la sua condizione è esposta a Bart dopo che si strattona la barba come uno scherzo, non sapendo che è suo padre. Per sollevare lo spirito di Homer, Bart invoca le tradizioni tratteggiate degli bisacce della televisione, secondo cui i miracoli accadono sempre a Natale ai bisognosi. È un discorso brillante che nel primo episodio anticipa un tratto distintivo dell'umorismo dei Simpson, il riconoscimento delle norme della cultura pop e il loro lancio sul sedere. Nel suo ultimo atto disperato, Homer si accompagna con il suo amico ubriaco Barney alla pista del cane per vedere se può vincere alla grande. Coerentemente con la sua fede nelle storie clandestine della TV, Homer punta tutto su un'aggiunta dell'ultimo minuto "Il piccolo aiutante di Babbo Natale", ma il cane viene facilmente sconfitto.

Perdendo lentamente ma sicuramente la speranza, Homer e Bart si nascondono nel parcheggio per i biglietti vincenti scartati. Ma poi, il suo marchio di miracoli accade mentre il cane ha perso tutto sui salti tra le sue braccia. Non riconosce questa come la risposta ai suoi problemi; prova simpatia per il cane perché in un certo senso la sua immortale determinazione di fronte all'inevitabile sconfitta gli ricorda se stesso. Quando torna a casa e la famiglia è affascinata dal perfetto regalo di Natale, è sbalordito. Ogni errore e pratica che ha subito è stato cruciale per condurlo a questo successo involontario. Ma quello è Homer Simpson, l'eroe accidentale.

Lo spettacolo approfondisce un discreto livello di schmaltz, ma quasi per obbligo in quanto è uno speciale di Natale, ma con un'autocoscienza intenzionale lo spettacolo diventerà in seguito famoso. Con i suoi veri scenari di vita, personaggi credibili e simpatici e un po 'di umorismo, questo episodio è stato un segnale sicuro per le cose a venire.

Bocconcini e citazioni:
– Adoro la linea di Homer "Perdonate le mie galosce" mentre trasciniamo le persone davanti a un posto vuoto durante lo spettacolo di Natale. È una linea così gettonata, ma sembra Omero così classico, specialmente nella prima voce di Walter Matthau.
– L'elenco di Lisa che legge "A PONY" in lettere giganti sei volte, seguito da "Grazie, Lisa" in caratteri piccoli è piuttosto adorabile.
– Anche i bambini che applaudono alla caduta di Homer dal tetto che installa le luci sono abbastanza adorabili. Come, naturalmente, è il seme stellare di Maggie.
– Quale centro commerciale ha un negozio di tatuaggi? La scena con Bart e il tatuatore è eccezionale. (“Una 'mamma' per favore.” “Aspetta un minuto, quanti anni hai?” “Ventuno, signore.” “Sali sulla sedia.”) Il risultato del tatuatore rende tutto ancora migliore, vedendolo dal punto di vista di Bart. Non ha 21 anni.
– Una prima occhiata a Homer in modo impulsivamente emotivo e alla mia linea preferita dello show: "Siamo rovinati! Il Natale è cancellato! Nessun regalo per nessuno! ”
– Il primo di molti grandi nomi di negozi Simpson: Circus of Values. È un nome assolutamente perfetto per un negozio simile ad un albero del dollaro.
– Ci sono molti bei momenti verso la fine del secondo atto quando Homer è davvero alla fine del suo ingegno. Stanco di tornare a casa dall'allenamento di Babbo Natale, si trascina al piano di sopra solo per chiedere a Marge di dirgli che le sue sorelle sono qui. Rannicchiato e stringendo la ringhiera, rabbrividisce, sapendo che doveva sopportare l'ennesima spiacevolezza. Rispondendo al mormorio di Patty e Selma sul fatto che non ci sia albero di Natale, Homer esce da solo per trovarne uno. È una sequenza fantastica, visto che Homer passa molti alberi al di fuori della sua fascia di prezzo, diventando sempre più pazzo mentre suona "Walking in a Winter Wonderland".
– Una grande battuta di Bart dopo che il Piccolo aiutante di Babbo Natale perde: "Non sembra possibile, ma immagino che la TV mi abbia tradito".

Come questo:

Mi piace Caricamento in corso …