Camelie

Camelie
Camelie

Chiamato da Linneo nel 1735 in onore del sacerdote e naturalista gesuita Georg Josef Kamel, Camellia è un genere originario principalmente della Cina, ma con una gamma che copre una vasta area del sud-est asiatico. Il numero esatto di specie non è chiaro, ma è circa 100. La Camelia è un genere commerciale importante a causa di una specie, la Camellia sinensis, la pianta da cui viene prodotto il tè.

La maggior parte dei giardinieri riconosce due gruppi principali di camelie, la fioritura autunnale e la fioritura primaverile. Tuttavia, non è proprio così semplice. Ogni volta che un genere di molte specie (come ad esempio Rododendro, Rosa o Camelia) è usato per produrre una moltitudine di ibridi che i gruppi distinti tendono a formare.

Ci sono quattro principali gruppi di camelie: Japonica, Reticulata, Sasanqua e Ibrido, con un numero di piccoli gruppi basati su specie meno comuni, come Camellia Hiemalis e ibridi interspecifici, come Camellia ื williamsii (Camellia japonica ื Camellia saluensis).

È una convinzione diffusa tra i giardinieri che i Sansanquas sono le camelie autunnali in fiore mentre il resto sono fiori di primavera. Questo non è proprio vero, certamente i Sasanquas sono di solito i primi a fiorire, ma con un’accurata selezione e collocazione è possibile avere una fioritura più o meno continua dall’inizio dell’autunno alla tarda primavera.

Coltivazione

Le camelie sono spesso associate a rododendri e azalee e, sebbene non strettamente correlate, preferiscono certamente condizioni simili. Questo non è affatto sorprendente in quanto provengono da climi simili e spesso si possono trovare crescere insieme allo stato selvatico.

Le camelie sono generalmente meno tolleranti al freddo estremo rispetto ai rododendri più duri, ma non sono affatto piante esigenti. La maggior parte delle specie e degli ibridi sono resistenti in tutto il paese, non necessitano di alcuna protezione eccetto forse nelle zone invernali molto fredde, e le estati qui sono
di solito non è abbastanza caldo e asciutto da causare molti danni.

Per ottenere il meglio dalle tue camelie è importante seguire gli stessi metodi di preparazione del terreno raccomandati per i rododendri. Le camelie hanno radici più forti e profonde, ma richiedono lo stesso terriccio umido, pieno di humus, sciolto, ben ossigenato se vogliono prosperare. Allo stesso modo, la pacciamatura regolare è sempre vantaggiosa.

Le camelie preferiscono un terreno neutro-acido e non tollerano l’acidità estrema che la maggior parte dei rododendri. Su terreni altamente acidi l’aggiunta di piccole quantità di calce dolomitica non solo aumenterà il pH ma consentirà un più facile assorbimento di sostanze nutritive.

Una volta stabilite, la maggior parte delle camelie sembra andare abbastanza bene senza troppa attenzione, ma sono soggette agli stessi problemi di clorosi dei rododendri, pertanto è raccomandata un’alimentazione supplementare occasionale. Le camelie containerizzate dovrebbero essere alimentate regolarmente in quanto sono molto più soggette a carenze a causa della limitata diffusione delle radici.

Le camelie fanno meglio in posizioni riparate in ombra o dove ottengono solo il sole del mattino. Questo non è tanto per la pianta quanto i fiori “. Le piante tollereranno i siti soleggiati esposti ma i fiori non lo faranno. Un’ombra troppo densa promuoverà la crescita lenta e ridurrà la fioritura. Troppo soleggiato e i fiori bruceranno e cadranno prematuramente. Un sito esposto a forti venti abbreverà drammaticamente la vita di qualsiasi fiore ma soprattutto delle camelie.

Mondare dei germogli

Molte camelie creano grandi quantità di gemme a fiore che spesso si traducono in una piccola fioritura densamente affollata. La diradamento dei boccioli dei fiori più densi e più deboli produrrà fioriture più grandi di migliore forma.

Propagazione

Le camelie non sono sempre facili da propagare senza attrezzature specializzate. Il seme germina bene ma è di utilità limitata in quanto può essere usato solo per allevare nuove cultivar o per propagare specie. Le forme selezionate devono essere propagate vegetativamente.

Le talee dovrebbero essere prese proprio mentre la nuova crescita si sta irrigidendo. Questo di solito è intorno alla fine di novembre. Prendi nuove talee di punta con una lunghezza di circa 100-150 mm e segui le procedure descritte nel capitolo sulla propagazione. Le talee possono richiedere diversi mesi per colpire senza nebbia o calore inferiore.

La stratificazione ha molto successo con le camelie, ma spesso non ci sono rami abbastanza vicini al livello del terreno da stratificare. In questi casi la stratificazione aerea è un metodo affidabile, se lento.

Occasionalmente una cultivar di camelia non riesce a dare buoni risultati sulle proprie radici. In tal caso potrebbe essere necessario innestare su uno stock più vigoroso. Le camelie standard sono quasi sempre prodotte dall’innesto piuttosto che semplicemente addestrando un gambo standard.

L’uso del trapianto con la fessura è il solito metodo utilizzato, tuttavia, anche gli innesti a sella e le cunei laterali funzioneranno. L’erba è usata raramente, ma non c’è motivo per cui non dovrebbe avere successo. Talvolta vengono utilizzati metodi specializzati, come innesti di semi, ma questi sono per veri entusiasti pronti a sperimentare.

Parassiti e malattie

Le camelie sono relativamente libere da malattie ma a volte si può verificare uno dei seguenti problemi.

Malattie virali

Questi sono abbastanza comuni tra le camelie, infatti, i virus vengono talvolta introdotti deliberatamente per ottenere fiori e foglie variegati. Il virus più comune si presenta come un margine giallo brillante. Questo è noto come variegazione indotta da virus. In casi minori fa poco danno ma può indebolire una pianta riducendo la quantità di clorofilla disponibile. Le malattie virali non possono essere curate, una volta infettata la pianta rimane infetta.

Putrefazione della radice di Phytophthora

Questa malattia colpisce molti tipi di piante, in particolare quelle che preferiscono condizioni boschive acide. Questa malattia fungina uccide le radici della pianta, che porta al caratteristico aspetto avvizzito e alla fine alla morte. Generalmente i sintomi non sono evidenti fino a troppo tardi. La prevenzione assicurando che il terreno sia ben drenato è il metodo migliore. Le piante possono talvolta essere salvate lavando via il terreno, rimuovendo le radici morte, inzuppandole di fungicida e ripiantandole in una posizione ben drenata, ma raramente ne vale la pena.

Foglie secche

Una malattia fungina simile a quella osservata su azalee sempreverdi occasionalmente si verifica sulle camelie. Provoca un ispessimento e una distorsione delle foglie, che alla fine diventano bianche con spore fungine. Rimuovere eventuali foglie colpite e spruzzare la pianta con un fungicida. Non lasciare cadere foglie affette vicino alla pianta.

Petalo batterico

Questa malattia fungina causa la degenerazione dei fiori in poltiglia acquosa e può danneggiare gran parte del raccolto. Controlla con i fungicidi prima della rottura del germoglio e rimuovi i petali caduti dai cespugli infetti.

Avvizzimento

Questo può essere un problema serio, persino fatale. Il fogliame dei rami giovani appassisce e diventa marrone, quindi il gambo inizia a ritirarsi dalla punta. Un cancro si sviluppa che alla fine ringbarks la radice causando la sua morte. Se i cancri si espandono sugli steli principali, la pianta può morire. Il trattamento con fungicidi aiuterà ma non ha tutto il successo. Sovraffollamento, scarso drenaggio e scarsa ventilazione possono contribuire a questo problema e facilitare la diffusione della malattia.

Le camelie non sono generalmente attaccate da insetti parassiti particolarmente inusuali, solo la corsa del mulino, afidi, scaglie, bruchi, rulli fogliari e tripidi. Le normali misure di controllo sono efficaci anche per le camelie.

Antichi vermi possono causare danni significativi a volte. Le borse di seta ricoperte di foglie (vedi illustrazione) sono fatte dalle larve e dalle femmine adulti incapaci di volare della falena Liothula onnivora. Le larve si nutrono dall’interno della borsa, che portano con sé per proteggersi e mimetizzarsi. La raccolta manuale è il controllo più semplice, l’uso di insetticidi non è garantito, tranne nei casi di grave infestazione.

Allenamento

Oltre alla normale abitudine folta, molte camelie sono materie idonee per l’allenamento. Le forme più comuni sono lo standard e la spalliera.

Gli standard possono essere creati in due modi. Il modo più semplice è selezionare una pianta giovane con un singolo stelo dritto e rimuovere semplicemente il fogliame inferiore e eventuali germogli laterali così come appaiono. Puntare lo stelo principale mentre cresce e una volta raggiunto l’altezza desiderata, eliminare la crescita della punta per indurre la ramificazione che alla fine formerà la testa.

Il processo può essere accelerato dall’innesto ma i meccanismi non sono così semplici. Seleziona una vigorosa pianta eretta che produrrà rapidamente il tronco standard e innesterai la tua cultivar selezionata all’altezza desiderata. Gli innesti di schisi sono il metodo preferito per le camelie ma ho trovato innesti a cuneo laterale per avere successo. L’innesto è l’unico modo pratico per produrre uno standard di pianto.

La spalliera è solo una questione di selezionare una pianta appropriata e avere la pazienza di aspettare il tempo necessario per vedere i risultati. Esistono diversi metodi per allenare i rami per ottenere la migliore copertura, ma la maggior parte delle camelie con steli sottili e flessibili (in primis Sasanquas) possono essere spalmate con poco sforzo. Ricorda però che le camelie non sono scalatori naturali, le spalliere devono essere assicurate alla struttura contro cui stanno crescendo.

Altre forme

Le camelie possono creare siepi efficaci, tagliate strettamente o cresciute in modo informale. Come ci si può aspettare da un genere che contiene le camelie della pianta del tè, è in grado di resistere a frequenti spuntature durante la crescita attiva.

Alcune camelie sono adatte per l’uso come copertura del terreno, ma di solito solo mentre sono giovani. Con il tempo tutte le forme meno prostrate si svilupperanno in cespugli mozzati piuttosto che vere coperture di terra. Piegare i rami verso il basso mentre le piante crescono è l’unico modo per garantire che ciò non accada.

Camelie in contenitori

Le camelie si adattano bene alla crescita dei contenitori ma sono veloci a mostrare segni di carenze nutrizionali. Nulla sembra meno attraente di una camelia male clorotica in un vaso minuscolo. Tuttavia, con fertilizzazione regolare e contenitori di dimensioni giuste le camelie prospereranno e fioriranno pesantemente in vaso.

Come con tutte le piante portacontainer, ricorda che le loro radici sono molto meno isolate dagli elementi di quelle delle piante in piena terra. Assicurarsi che le camelie containerizzate ricevano acqua regolare in estate e che nelle zone invernali fredde spostino i contenitori in posizioni riparate per l’inverno per evitare che il terreno si congeli solido.