Piscine fuori terra: come vanno installate?

0
85
Piscine fuori terra come vanno installate
Piscine fuori terra come vanno installate

Le piscine fuori terra sono state una novità davvero importante nel settore: grazie a questi prodotti, infatti, tantissime persone che coltivavano il desiderio di avere una piscina in casa lo hanno potuto esaudire con spese contenute e senza dover realizzare complessi interventi edili.

Un’alternativa pratica ed economica alla piscina interrata

Come si può ben immaginare, la realizzazione di una classica piscina interrata richiede degli interventi edili a tutti gli effetti e il suo costo, che ovviamente varia sulla base di molteplici aspetti, è in tutti i casi consistente, non a caso questo tipo di piscine sono degli elementi tipicamente “luxury”.

Realizzando delle piscine fuori terra, appunto, si può godere appieno di uno specchio d’acqua in cui rilassarsi e divertirsi senza dover eseguire lavori complessi e soprattutto spendendo cifre accessibili per chiunque, non soltanto per i più abbienti.

Ma come va installata una piscina fuori terra? Quali sono gli aspetti a cui si deve badare? Scopriamolo subito.

Prendere le misure con attenzione

Bisogna anzitutto premettere che in commercio ci sono davvero tantissimi tipi di piscine fuori terra, di conseguenza non vi è che l’imbarazzo della scelta.

Ovviamente è indispensabile prendere le misure con attenzione prima di procedere con l’acquisto, per accertarsi che il modello corrisponda alla perfezione agli spazi in cui lo si andrà a collocare.

Preparare in modo ottimale il suolo

Quando la scelta è stata effettuata bisogna fare in modo che il suolo su cui si posizionerà la piscina sia in condizioni impeccabili: sul medesimo non devono essere presenti pietre, e dislivelli, anzi l’ideale sarebbe realizzare un suolo perfettamente spianato.

Laddove ciò non fosse possibile, magari per via delle particolari caratteristiche biologiche del terreno, l’ideale è realizzare una base in calcestruzzo perfettamente livellata sulla quale ergere la piscina.

Ergere la struttura incastrando gli assi

Quando il terreno è pronto si può iniziare l’installazione in senso stretto, un’operazione che, ad ogni modo, è tutt’altro che complicata.

Fondamentalmente, per installare la piscina fuori terra è necessario incastrare tra loro i vari assi secondo le modalità illustrate nelle istruzioni; solo in determinati casi può essere utile, in questo step, utilizzare una livella per accertarsi che la struttura presenti condizioni ottimali.

Applicare il liner

Quando la struttura è conclusa, ovvero lo “scheletro” che andrà a sostenere la piscina, si dovrà associare alla medesima il cosiddetto liner, ovvero il telo che andrà materialmente a contenere l’acqua.

Non è assolutamente il caso di temere eventuali rotture: i liner sono realizzati in materiali testati in modo rigoroso, quindi non possono rompersi e sono assolutamente in grado di sostenere tutta la pressione dell’acqua che andranno a contenere.

Ovviamente è comunque importante gestire e manutenere in modo ottimale tali elementi, ad esempio procurandosi da e-commerce specializzati quali Acquavivastore delle adeguate coperture.

Installare pompa e filtro

Quando la struttura e il liner sono pronti la piscina ha ormai preso forma, tuttavia è necessario equipaggiarla in maniera adeguata per quel che riguarda gli aspetti tecnici.

Elementi fondamentali sono, da questo punto di vista, i filtri e la pompa: la pompa è l’elemento che movimenta l’acqua al fine di incanalarla all’interno dei filtri, quest’ultimi invece hanno il preziosissimo compito di trattenere le impurità restituendo un’acqua perfettamente pulita e in grado di ospitare dei lunghi e piacevoli bagni sotto al sole.

Ci vuole davvero poco, dunque, per avere una piscina nel proprio giardino, e con ogni probabilità i prezzi dei vari modelli disponibili in commercio sapranno stupire in positivo.