Perché saltare l'assicurazione per i viaggi brevi è ancora un grosso rischio

0
311
Perché saltare lassicurazione per i viaggi brevi è ancora un
Perché saltare lassicurazione per i viaggi brevi è ancora un

Ti preoccuperesti di acquistare un'assicurazione di viaggio per un breve viaggio in un paese vicino? Secondo un nuovo sondaggio di Avanti, un fornitore specializzato di assicurazioni di viaggio per la salute, un numero considerevole di persone non lo farebbe.

Chiedendo ai viaggiatori del Regno Unito se acquisterebbero un'assicurazione di viaggio per una gita di un giorno dalla Manica alla Francia, poco più della metà (55%) ha dichiarato di sì. Sembrava esserci un legame tra l'età e la volontà di acquistare un'assicurazione per un breve viaggio – solo il 45% dei giovani di età compresa tra 18 e 20 anni ha dichiarato di preoccuparsi, passando ad un massimo del 62,5% di età compresa tra 55 e 64 anni.

Forse la scoperta più sorprendente, tuttavia, è stata che solo il 41,7% delle donne di età pari o superiore a 65 anni ha dichiarato che avrebbe stipulato un'assicurazione per un viaggio così breve, in netto contrasto con l'87,5% degli uomini della stessa fascia di età che ha dichiarato di volerlo!

Il quadro complessivo, quindi, è che in tutte le fasce d'età, e in effetti in entrambi i sessi, una percentuale preoccupantemente grande di persone – non troppo lontana dalla metà – non vede la necessità o il valore di stipulare un'assicurazione di viaggio per un breve viaggio.

Questo è preoccupante perché la sfortuna non ha rispetto per il tempo. Sì, più a lungo vai via, maggiore è la probabilità che qualcosa possa andare storto, il che renderebbe utile avere un'assicurazione di viaggio. Ma se qualcosa può andare storto il giorno 10 o 20 di un viaggio all'estero, può andare storto anche il primo giorno.

Copertura medica

Il rischio maggiore riguarda la copertura medica. La malattia può colpire molto rapidamente e lasciarti aver bisogno di cure mediche in un arco di tempo incredibilmente breve. Gli incidenti, ovviamente, sono ancora più immediati: ci vuole solo una frazione di secondo per avere una caduta o una protuberanza che ti lascia con le ossa rotte dirette al più vicino ospedale.

Se ti capita di essere all'estero quando ciò accade, probabilmente dovrai pagare per questo. Qualunque assistenza sanitaria statale gratuita o sovvenzionata si ottenga come cittadino del proprio paese, non si applica in un altro paese. Se hai un'assicurazione sanitaria a casa, nella maggior parte dei casi non è valida all'estero.

La Francia ha un sistema sanitario eccellente e molto rispettato, ma i visitatori stranieri devono pagare per accedervi. Una visita per consultare un medico in Francia è in media tre volte più costosa se non si dispone di un'assicurazione sanitaria di viaggio rispetto a una polizza valida; per una visita al pronto soccorso di un ospedale, la differenza è di 10 volte.

E la Francia è uno dei migliori esempi. Una sosta di una notte negli Emirati Arabi Uniti sulla strada da o verso il resto dell'Asia o dell'Oceania potrebbe andare terribilmente male se si fosse verificato un incidente lì – il trattamento per lesioni alla testa e il rimpatrio nel Regno Unito potrebbe costare fino a £ 50.000. E gli escursionisti del sud della Francia o del Portogallo in Spagna potrebbero essere colpiti con £ 11.000 di bollette se si rompono un braccio senza copertura.

Per qualche chilo, stipulare un'assicurazione per i viaggi di salute anche sui viaggi più brevi suona un grande valore rispetto a queste cifre.

Perché saltare l'assicurazione per i viaggi brevi è ancora un grosso rischio è stato modificato l'ultima volta: 20 dicembre 2019 da Travel Blogger